Antonio Conte al Napoli, l’allenatore vuole proprio LUI: avviati i contatti

Presto arriverà l’annuncio di Antonio Conte al Napoli come nuovo allenatore. E poi il mercato azzurro decollerà, con l’ingaggio prima di tutto del prossimo numero 9.

Conte al Napoli porta Lukaku al posto di Osimhen
Antonio Conte (Wigglesport.it) Foto Ansa

Antonio Conte ha raggiunto Napoli con un volo notturno domenica scorsa. Questo nell’ottica di un incontro con Aurelio De Laurentiis e con la stampa sportiva, nel quale il presidente del Napoli presenterà in via ufficiale l’allenatore pugliese nelle vesti di nuovo tecnico azzurro.

Si parla già da diversi giorni di uno scatto decisivo effettuato dal patron del sodalizio partenopeo allo scopo di portare Antonio Conte sulla panchina del Napoli. In precedenza al club che ha vinto lo scudetto in maniera sontuosa nella passata stagione erano stati accostati diversi nomi.

Su tutti quelli di Stefano Pioli, Gian Piero Gasperini e Vincenzo Italiano. Ma per il necessario rilancio che il Napoli è chiamato ad attuare già dal ritiro estivo del prossimo mese di luglio a Dimaro era necessario il meglio del meglio, con l’ingaggio del profilo migliore possibile.

E quel profilo coincide con la figura di Antonio Conte. Nonostante non pochi ritenessero l’operazione poco fattibile per una serie di motivi – non ultimo anche il passato da juventino sia da calciatore che da allenatore di Conte – alla fine l’affare si farà. Ci sono alcuni dettagli da conoscere.

Antonio Conte nuovo allenatore del Napoli, come sarà il calciomercato degli azzurri

Conte al Napoli porta Lukaku al posto di Osimhen
Romelu Lukaku (Wigglesport.it) Foto Ansa

Il fatto di avere affidato la conduzione tecnica del Napoli a Conte significa che la società campana è intenzionata a condurre un mercato di prima fascia. Questo avverrà anche grazie ad un paio di cessioni importanti, che porteranno una cascata di milioni negli uffici del club a Castel Volturno.

Andrà probabilmente via Victor Osimhen, visto il contratto in scadenza a giugno del 2030 dopo il prolungamento strategico della passata vigilia di Natale. Una cosa fatta per non perdere il giocatore a parametro zero e per non lasciarsi male con il Napoli.

Sembra invece rientrare il caso Di Lorenzo, dopo il mal di pancia manifestato dal procuratore del capitano azzurro nei giorni scorsi, Mario Giuffredi. Procuratore che è stato pesantemente attaccato dal tifo organizzato napoletano. Resta invece da valutare la situazione che riguarda Khvicha Kvaratskhelia.

Il Paris-Saint Germain lo vuole e ha offerto al Napoli ben 100 milioni di euro, cosa confermata dall’agente del georgiano. Ma De Laurentiis non vorrebbe privarsene ed anzi, è pronto ad offrire un rinnovo a cifre importanti al proprio gioiello. Una cessione è fuori cessione anche da parte di Conte, che ha opposto il proprio veto. Kvaratskhelia dovrà essere un punto di forza imprescindibile per il suo Napoli.

Ed il mister di Lecce vorrebbe poi Romelu Lukaku per l’attacco, un calciatore che lui conosce bene e con il quale ha vinto lo scudetto all’Inter nella stagione 2020/2021. Lukaku non è però un profilo che sembra entusiasmare i tifosi napoletani, per diversi motivi. Anzitutto per l’età (31anni), poi per le recenti stagioni non eccellenti ed infine per la propensione a “tradire” (i supporters interisti ne sanno qualcosa).

Al momento Lukaku è in prestito alla Roma ma tornerà al Chelsea, detentore del suo cartellino, che ha intenzione di proporlo a De Laurentiis con anche un importante conguaglio economico per arrivare ad Osimhen.

Il tutto mentre si parla persino di uno scambio Raspadori-Chiesa con la Juventus, che avrebbe del clamoroso. Ma la cosa appare irrealistica dal momento che il Napoli ed i bianconeri non hanno alcun rapporto.

Impostazioni privacy