Mbappé, tutta la Francia attende la firma: il rischio è enorme

Il futuro di Kylian Mbappé si è trasformata in una questione nazionale per il calcio francese. E non è neanche la prima volta. Nel 2022, nei giorni più critici delle trattative per il suo rinnovo, è entrato in scena Emmanuel Macron, seguito poi dall’ex presidente della Repubblica, Nicolas Sarkozy. Adesso lo scenario è diverso, ma se possibile anche più complesso: dalla firma di Mbappé dipende anche il futuro del campionato francese.

Un paese in attesa: c’è ottimismo. Merito delle Olimpiadi

Il giocatore francese ha un ottimo rapporto con Al Khelaïfi. Non a caso ha raggiunto un accordo in estate per tutelare il PSG. Da un punto di vista sportivo, a Parigi ritengono che il talento di Bondy sia soddisfatto del progetto. Vi sono anche altri fattori che invitano all’ottimismo, in primis, i Giochi Olimpici. Kylian Mbappé ha già dichiarato in più occasioni di voler andare a caccia di medaglie e in questa ottica è difficile immaginare un divorzio nell’anno in cui il club della capitale nell’anno dei Giochi Olimpici. Dunque si potrebbe procedere sulla falsariga dei Mondiali del Qatar, quando Al Khelaïfi ha convinto il suo miglior calciatore a non cambiare squadra proprio quando il paese d’origine della proprietà avrebbe ospitato il Mondiale.

Non solo PSG, tutta la Ligue 1 vuole la firma

Kylian Mbappè PSG
Immagine | Epa

Non è solo il PSG in attesa. Al di là delle Alpi c’è un paese appeso ad un autografo: questione di grandeur e appeal, termini francesi ma universalmente traducibili anche in termini economici. La Ligue One e la Lega Francese sperano che Mbappé finisca per rinnovare, perché altrimenti i diritti televisivi subirebbero un danno enorme, quanto basta per spingere i club francesi verso una crisi economica. Con Mbappé, la LFP, che sta trattando con i diversi teleoperatori i diritti che copriranno le prossime cinque stagioni, potrebbe raggiungere 1.000 milioni di euro (800 milioni per la stagione 2024-2029). nazionali e 200 per quelli internazionali).

Un possibile addio di Mbappé avrebbe inevitabili ripercussioni su un torneo che ha già perso per strada campioni e incassi. Dopo le partenze di Messi, Neymar e Ramos, i tre “big” della scorsa estate, la partenza del francese, che a differenza degli altri top player è un giocatore francese e simbolo del Paese, metterebbe in seria difficoltà la Ligue 1 nel tavolo delle trattative. Per ora, in Francia confidano che rinnoverà e continuerà a battere i record (anche di fatturato) del campionato francese. L’ultima parola, come sempre in questa telenovela infinita, spetta al giocatore.

Impostazioni privacy