Non mangia il panettone: panchina a De Rossi prima di Natale

Daniele De Rossi è pronto ad ereditare una panchina di serie A prima di Natale: l’allenatore di questo passo non mangerà il panettone

Una nuova panchina di serie A è pronta a saltare dopo gli ultimi e deludenti risultati. Entro Natale può esserci il cambio con l’allenatore in questione che non mangerebbe nemmeno il panettone. Può subentrare Daniele De Rossi alla ricerca della prima grande opportunità della carriera da tecnico in serie A, dopo la sfortunata parentesi dell’anno scorso alla Spal in B.

Panchina a De Rossi entro Natale, niente panettone
Daniele De Rossi può ereditare una panchina di serie A prima di Natale – (ANSA) – wigglesport.it

Ci riferiamo alla delicata situazione del Verona con Marco Baroni attualmente penultimo in classifica a quota 10 punti e con un calendario difficile alle porte. E dire che la stagione in casa gialloblù si era aperta alla grande, con due vittorie nelle prime due che non si vedevano dai tempi dello scudetto. Poi però una serie incredibile di sconfitte e insuccessi, con l’Hellas che nelle successive 12 ha raccolto solo la miseria di 3 punti.

Baroni può non mangiare il panettone, panchina del Verona a De Rossi entro Natale?

Uno di questi tre punti è arrivato proprio nell’ultimo match di Udine contro i friulani in una gara al cardiopalma. Gli uomini di Baroni sono riusciti a risalire la china la prima volta sotto di due reti e la seconda con il gol decisivo realizzato al 96′ per il 3-3 finale. Grande protagonista Ngonge con un rigore procuratore, un gol favoloso in rovesciata e l’assist per il pari definitivo. Con questo pari l’ex tecnico del Lecce ha salvato la panchina ma è solo una tregua momentanea. Le prossime partite saranno decisive, il presidente Setti seguirà da vicino l’evolversi della situazione.

Non mangia il panettone: panchina a De Rossi entro Natale
Marco Baroni potrebbe non mangiare il panettone al Verona – (ANSA) – wigglesport.it

Il calendario non è dei più agevoli in quanto i prossimi impegni si chiamano Lazio e Fiorentina, match decisivi per Baroni. Se dovesse fallire l’esonero è dietro l’angolo. A quel punto niente potrebbe più salvare l’ex Lecce anche perché ad inizio anno l’Hellas aveva come proprio obiettivo quello di una salvezza tranquilla per non rivivere i patemi della scorsa stagione quando la serie A fu mantenuta solo allo spareggio con lo Spezia.

Per l’eventuale sostituzione – come detto – in pole ci sarebbe Daniele De Rossi che verrebbe affiancato da Pinzi. Ma non è una pista sicura. Dietro di lui in seconda fila ecco le candidature di Gotti, Ballardini e Nicola. Tutti profili che si valuteranno in seguito, solo dopo un eventuale esonero di Baroni che al momento ha ancora una o due chance per tenersi stretta la panchina scaligera.

Impostazioni privacy