Massimiliano Allegri, un club italiano prova a convincere l’ex tecnico della Juve

Nuova possibile opportunità lavorativa per Max Allegri dopo la Juve. Oltre alla pista che porta in Premier League ci sarebbe una possibilità in Serie A.

Allegri tra i possibili nomi per allenare la Lazio, con la Juve ha rescisso
Massimiliano Allegri (Wigglesport.it) Foto Ansa

Massimiliano Allegri e la Juventus hanno reciso in via ufficiale ogni vincolo reciproco. Dopo l’esonero comunicato “a bruciapelo” pochissimo tempo dopo la vittoria della Coppa Italia da parte dei bianconeri, è arrivata un’altra notizia importante in tal senso.

Ovvero quella che fa riferimento ad un accordo trovato tra la stessa Juve ed Allegri per quanto riguarda la risoluzione del contratto ancora in essere. L’allenatore toscano era legato ancora per un’altra stagione al club piemontese. Questo ha permesso anzitutto ad entrambe le parti di andare in tribunale.

Si era infatti palesata anche la possibilità che potesse esserci una ulteriore coda polemica, con la Juventus che veniva data come intenzionata a citare Allegri per danni. Questo raggiunto accordo ora fa si che tutto questo non avrà luogo. Ed Allegri potrebbe tornare presto ad allenare, in virtù di ciò.

Un allenatore dello spessore del livornese può facilmente trovare un nuovo ingaggio. Mentre la Juventus ha risparmiato 7 milioni di euro netti (e quasi il doppio lordi) in bilancio, per tenere un allenatore fermo a casa. Così non sarà, con Allegri che pare abbia dei pretendenti tanto in Serie A quanto all’estero.

Allegri dopo la Juve, dove potrebbe andare

Allegri tra i possibili nomi per allenare la Lazio, con la Juve ha rescisso
Claudio Lotito (Wigglesport.it) Foto Ansa

Nei giorni scorsi era emersa la voce per la quale il quasi 57enne mister di Livorno sarebbe finito nei desiderata del Manchester United per rimpiazzare Erik ten Hag. L’olandese, nonostante sia riuscito in extremis a riscattare l’ennesima stagione deludente dei Red Devils con la vittoria della FA Cup contro i cugini del Manchester City, andrà molto probabilmente incontro all’esonero.

Non saranno sufficienti un trofeo e la conseguente qualificazione all’Europa League connessa alla conquista della coppa per garantire all’ex allenatore dell’Ajax la permanenza all’Old Trafford. Ed Allegri è visto come il profilo ideale per rilanciare le ambizioni di quello che è stato uno dei club più vincenti degli anni Novanta, soprattutto in patria.

Ma anche dall’Italia c’è chi vorrebbe Allegri. È la Lazio, che si prepara al non poco polemico divorzio da Igor Tudor. Il croato sarebbe rimasto assai scottato dalla querelle Kamada, con il centrocampista giapponese che ha annunciato l’addio criticando il presidente Lotito.

A questo punto Allegri potrebbe far sua una bella sfida, con la missione di rilanciare una squadra che l’anno scorso è giunta seconda alle spalle del Napoli. Per i biancocelesti si vocifera pure di un tentativo per Vincenzo Italiano – che starebbe prendendo tempo con il Bologna – e di un clamoroso ritorno di Maurizio Sarri (che pare sia cercato dai greci del Panathīnaïkos).

Inoltre non è da sottovalutare l’opzione Marco Baroni, che dopo le due salvezze consecutive ottenute alla guida rispettivamente di Lecce e Verona, potrebbe fare uno step importante in carriera con il suo eventuale approdo a Formello.

Impostazioni privacy