Verstappen stavolta non può fare nulla: “E’ impossibile”

Queste parole su Max Verstappen riaprono il dibattito sull’importanza del pilota e della vettura in Formula 1

La stagione automobilistica 2023 si è conclusa con un altro trionfo Red Bull. La scuderia anglo-austriaca ha dimostrato di essere ampiamente superiore rispetto a tutte le rivali del Circus, aumentando se possibile anche il distacco. In particolare in termini di vittorie è stata un’annata da record.

Andrea Stella dichiarazioni Verstappen Red Bull
Verstappen punta al poker di trionfi con la Red Bull (Ansa) – Wigglesport.it

La Red Bull infatti ha vinto tutte le gare del mondiale, tranne il Gran Premio di Singapore, gara vinta dalla Ferrari di Carlos Sainz. Soprattutto Max Verstappen si è esaltato, vincendo ben 19 gare su 22 totali, lasciando soltanto le briciole al compagno di scuderia Sergio Perez. Un vero cannibale il campione olandese, il pilota da battere per tutti.

Lo strapotere di Verstappen apre l’ennesimo dibattito in Formula 1: è più importante la vettura o il pilota? Domanda scomoda, alla quale tempo fa il campione olandese ha risposto facendo intendere di aver visto pochi miglioramenti in Red Bull, contro una crescita personale davvero esaltante.

Andrea Stella è convinto: la dichiarazione su Verstappen

C’è però chi crede che la percentuale di rilevanza e di importanza della vettura sia maggiore rispetto alle capacità di un pilota. Niente da dire sulle qualità di Max Verstappen, ma non pochi ritengono che la monoposto sia molto più rilevante del previsto. Lo ha ammesso anche Andrea Stella, ingegnere italiano e team principal della McLaren.

Andrea Stella dichiarazioni Verstappen Red Bull
Andrea Stella dice la sua su un tema molto dibattuto in Formula 1 (Ansa) – Wigglesport.it

Intervistato da AmUS, Stella ha fatto intendere come persino Verstappen farebbe fatica a vincere con una monoposto McLaren attuale, lontana dai livelli di performance della RB: “Anche un pilota eccellente come Verstappen può fare solo ciò che la macchina gli permette di fare. Con la nostra macchina, è impossibile con qualsiasi pilota, essere veloce come la Red Bull nella seconda parte degli stint in gara. Verstappen fa la differenza perché compete sempre ad un livello estremamente alto, anche nelle condizioni più difficili”.

Dunque l’idea è sempre la stessa. L’auto è troppo performante rispetto alle qualità del singolo pilota. Conferma di come in Red Bull il settore ingegneristico e meccanico abbia lavorato meglio di tutti nella realizzazione di un’auto che è ad oggi irraggiungibile. La McLaren però è molto fiduciosa grazie soprattuto a  una seconda parte di stagione molto positiva con la serie di podi di Lando Norris e la vittoria di Piastri alla Sprint Race di Doha.

Impostazioni privacy