Verstappen, è giallo: scoppia il caso

Polemiche a non finire per il comportamento del campione del mondo, ma a diversi giorni di distanza il giallo sembra essersi risolto

Non c’è niente da fare, in Formula 1 coloro i quali vincono per diversi anni consecutivi sono considerati ‘antipatici’, o comunque meno amichevoli rispetto ai loro colleghi che conquistano meno successi in pista. Era capitato in passato a Michael Schumacher, poi Lewis Hamilton ha sperimentato a lungo una tale sensazione: ora tocca invece al campione della Red Bull Max Verstappen.

Verstappen, scoppia il caso
Verstappen, scoppia un nuovo caso (LaPresse) – Wigglesport.it

Spesso i social sono forieri di comportamenti non proprio corretti e contro l’olandese le critiche sono sempre numerose e, a volte, ingiustificate. Di recente, sul suolo di Imola e in occasione dell’avvio del Gran premio omonimo, hanno fatto il giro del web le immagini in cui compaiono tutti i piloti di F1, incluso Verstappen, in occasione del trentennale della scomparsa di Ayrton Senna e Roland Ratzenberger, entrambi deceduti tragicamente nel weekend di Imola del 1994. Max è apparso nelle foto ufficiali senza la maglietta che omaggia il campione di San Paolo. A distanza di un paio di giorni da quello scatto ora emergono i veri motivi.

Verstappen senza t-shirt carioca a Imola: il motivo

Giovedì scorso Sebastian Vettel, il cui ritorno in F1 secondo molti appare sempre più probabile, ha organizzato presso la celebre, e a suo modo triste, curva del Tamburello una sorta di raduno con tutti i piloti di Formula 1 più diversi diversi dirigenti della competizione come Stefano Domenicali, Ceo del Formula One Group.

Ebbene, negli scatti pubblicati appare un Max Verstappen senza la classica maglietta verdeoro che ricorda Senna. Subito i social si sono rivoltati contro il pilota di Hasselt, definendolo poco sensibile nei confronti del ricordo del tre volte campione del mondo.

Risolto il caso della t-shirt di Verstappen
Svelato il mistero della t-shirt di Verstappen (LaPresse) – Wigglesport.it

In realtà, nulla è come sembra: si è venuti a scoprire successivamente dall’entourage di Vettel che alcune delle magliette fornite dal tedesco a tutti i corridori erano in realtà state rubate (non si sa ancora da chi e in che modo). Infatti, come i più attenti avranno subito notato, oltre a Verstappen anche Valteri Bottas è apparso nella foto senza la maglia celebrativa colorata di verde e giallo.

Così, vista la mancanza delle t-shirt, l’olandese ha reso omaggio a Senna e Ratzenberger indossando un polsino con i colori della bandiera austriaca, mentre Bottas è apparso con addosso una classica tutta da ciclista.

Impostazioni privacy