Vasseur è sconvolto, tutto all’improvviso: glielo ha dovuto dire

Il team Principal francese ha svelato un toccate retroscena riguardante le ultime vicende di casa Ferrari: ecco il suo racconto

Negli ultimi giorni si è svolta la cerimonia di presentazione della SF-24, la nuova vettura ‘sfornata’ dalla Ferrari per la stagione di Formula 1 che inizierà tra un paio di settimane. La ‘neonata’ a Maranello è stata la protagonista assoluta della giornata ed ha subito fatto breccia nel cuore dei tantissimi tifosi, accorsi al circuito di Fiorano dove ha avuto luogo il consueto shakedown da 200 chilometri.

Le chiamate che hanno sconvolto Vasseur
Vasseur rivela un retroscena sull’approdo di Hamilton in Ferrari (Ansa Foto) – Wigglesport

L’attesissimo evento organizzato dalla Scuderia è stato condito anche dalle prime dichiarazioni relative al futuro approdo di Lewis Hamilton alla corte del Cavallino. Charles Leclerc, ad esempio, ha smentito le voci di qualsiasi suo malcontento circa l’operazione realizzata dai vertici della Rossa, dicendosi entusiasta dinanzi alla prospettiva di poter lavorare con “il pilota più vincente di sempre”. Un entusiasmo ovviamente condiviso da colui che l’operazione l’ha condotta in prima persona, ovvero il team Principal Frederic Vasseur.

Il dirigente ha infatti definito l’arrivo di Hamilton a Maranello “una grande opportunità“, e dal sorriso sul suo volto si è evinta tutta la soddisfazione per il primo colpo – e che colpo! – piazzato da quando detiene le redini del team. Il manager francese, però, incalzato sull’argomento, ci ha tenuto inoltre a raccontare un toccante retroscena riguardante le fasi finali dell’affare.

Hamilton in Ferrari, Vasseur e le due struggenti telefonate

Se si prendono come riferimento le consuete tempistiche di certe operazioni, quello che porterà Hamilton a vestire, nella prossima stagione, la tuta della Rossa è stato a tutti gli effetti un affare-lampo. Un affare di cui chi ne ha fatto le spese, cioè Carlos Sainz – che senza rinnovo lascerà la Ferrari a fine stagione – e il boss della Mercedes Toto Wolff – rimasto adesso senza pilota per il 2025 -, è venuto a conoscenza soltanto nelle battute finali, restando letteralmente a bocca aperta.

Ed è per questo motivo che per Vasseur comunicare ad entrambi la buona riuscita dell’operazione non è stata una semplice passeggiata. Dire a Sainz che avevamo deciso di rimpiazzarlo non è stata tra le telefonate più facili della mia vita, ha confessato il francese visibilmente dispiaciuto. “Allo stesso modo non è stato neanche semplice telefonare a Toto Wolff per metterlo al corrente di quanto fosse successo“, ha aggiunto altrettanto affranto. I due hanno ottimi rapporti e annunciare questo al dirigente Mercedes è stato piuttosto complicato.

Le chiamate che hanno sconvolto Vasseur
Vasseur e le telefonate a Wolff e Sainz: il racconto (Ansa Foto) – Wigglesport

Insomma, la realizzazione del colpaccio Hamilton non ha trasmesso soltanto felicità ed entusiasmo a Vasseur, bensì anche un misto di tristezza e dispiacere. Per l’addio all’ottimo Sainz, ma soprattutto per lo ‘sgarbo’ lavorativo fatto a Wolff, al quale è legato da un bel rapporto di amicizia ultra-ventennale.

Impostazioni privacy