“Uno schifo”: scandalo Verstappen in Formula 1

Il tre volte campione del mondo non le manda a dire: il durissimo sfogo contro la direzione intrapresa dalla Formula 1 attuale

Max Verstappen, si sa, oltre ad essere un pilota talentuoso, è uomo dotato di una forte personalità che gli consente di essere un vero leader all’interno della Red Bull, ma anche del paddock della F1. Del resto, non si vincono tre titoli mondiali senza una buona dose di carattere e un po’ di sfrontatezza.

Verstappen sfogo contro Formula 1
Verstappen non le manda a dire (Ansa) – Wigglesport

Il pilota olandese, proprio grazie alla sua dote di leader, si è spesso fatto carico del ruolo di portavoce dei suoi colleghi. Soprattutto negli ultimi due anni, quando i vertici di Liberty Media, la società che detiene la proprietà della Formula 1, hanno deciso di stravolgere il formato di alcuni weekend di gara, in alcuni casi, non senza spettacolarizzazione.

Una fattispecie quest’ultima verificatasi durante i fine settimana in America, dove le gare sono praticamente diventate un elemento di contorno ad iniziative che mirano all’intrattenimento e allo spettacolo. Il primo, invece, è il caso delle Sprint Race o di regole restrittive non universalmente apprezzate dai protagonisti.

Verstappen si sfoga, parole inequivocabili

“Che bisogno c’è di tutte queste stranezze? Arrivo a chiedermi quali siano le regole ora. Mi sento perso, è come un circo, ha esordito Verstappen in un’intervista rilasciata a Auto Motor Und Sport.

Quanto alle Sprint Race, l’olandese ha affermato che, pur comprendendo gli aspetti commerciali legati ad esse, le mini-gare da 100 chilometri tolgono un po’ di magiaperché permettono, a meno di circostanze particolari, di sapere “cosa succederà più o meno il giorno dopo”. L’eccesivo show che contrassegna gli appuntamenti iridati non è tuttavia l’unico fattore finito nel mirino di SuperMax.

Verstappen sfogo contro Formula 1
Formula 1, Verstappen si sfoga: le sue parole (Ansa) – Wigglesport

L’olandese della Red Bull infatti sostiene che, dal punto di vista del pilota, il cosiddetto Parco Chiuso al venerdì sia un altro elemento che toglie fascino al fine settimana. “Se si sbaglia, si resta intrappolati in quel setup per il resto del weekend. È uno schifo. Ci è successo l’anno scorso in Brasile. E nemmeno i weekend positivi di quest’anno mi hanno soddisfatto del tutto”, ha sottolineato Verstappen.

Quest’ultimo, infine, ha anche lanciato una proposta: “Se si vuole continuare con le Sprint, credo si debbano apportare cambiamenti. Per esempio farei un Parco Chiuso di sabato e un altro di domenica”. Vedremo se la sua richiesta verrà ascoltata.

Impostazioni privacy