Ultim’ora Sinner, lo ha fatto davvero: la reazione lascia di stucco

Nel corso di un’intervista esclusiva rilasciata a Vanity Fair, Sinner ha confessato cosa è accaduto nel post Melbourne

Se fosse successo nel calcio, avremmo visto probabilmente capelli decolorati, tatuaggi, champagne a fiumi e pullman scoperti che passano in mezzo ad ali chilometriche di folla. Nel tennis invece, forse anche per la sua natura di sport individuale e non collettivo, i festeggiamenti per una grande vittoria non sono così maestosi e rumorosi come negli esempi calcistici sopra citati.

La reazione di Sinner ha lasciato di stucco i tifosi
Jannik Sinner, la rivelazione è stata una sorpresa assoluta (LaPresse) – Wigglesport.it

Figuriamoci se la grande impresa su un campo da tennis è compiuta, come accaduto nello scorso 28 gennaio, da un ragazzo educato, posato, e già di suo poco incline agli eccessi come Jannik Sinner. Il nativo di San Candido ha sempre mantenuto un profilo basso anche dopo l’epica impresa compiuta alla Rod Laver Arena, quando è riemerso dalle ceneri dei primi due set persi per rimontare con successo il russo Daniil Medvedev.

Invitato ad un incontro con la stampa italiana – e successivamente con le istituzioni, tra cui il Presidente Sergio Mattarella, per celebrare il trionfo in Coppa Davis – il 22enne altoatesino ha provato a lasciarsi un po’ andare, ma evidentemente la gioia sfrenata Jannik se la tiene dentro. La custodisce gelosamente. La vive a livello personale, con naturalezza e con ‘normalità’. Il disincanto col quale ha raccontato cosa ha fatto nelle ore immediatamente successive al trionfo di Melbourne è un inno alla semplicità.

“Ho guardato un po’ di film”: Sinner lascia tutti di stucco

Intervistato dalla celebre rivista ‘Vanity Fair‘ in seguito alla sua entrata ufficiale nell’Olimpo del tennis, l’azzurro ha risposto a domande relative ai comportamenti immediatamente successivi alla vittoria del suo primo Major. In sostanza: cosa ha fatto la prima notte Jannik Sinner? Il talentuoso tennista ha spiazzato tutti con le sue risposte quasi d’altri tempi.

Cosa ho pensato quando sono andato a letto la prima sera? A niente. La sensazione era molto bella, ma non ho fatto grandi pensieri. In quel momento non sarei riuscito comunque a realizzare davvero quel che era successo. Ho guardato un po’ di film e mi sono addormentato“, ha ammesso Jannik.

L'ammissione di Sinner ha lasciato di stucco i tifosi
Jannik Sinner confessa: ecco cosa ha fatto nella notte australiana (LaPresse) – Wigglesport.it

Successivamente è stato chiesto a Sinner se, sulla falsariga di quello che hanno fatto tanti campioni in altri sport, avesse dormito abbracciato al trofeo. Anche in questo caso l’allievo di Simone Vagnozzi ha spiazzato tutti: “No, avevo lasciato la coppa al mio manager”, ha detto candidamente.

Impostazioni privacy