Tennis, non si può fare nulla: “Si stanno comprando tutto”

Tennis, ormai non si può far più nulla per impedirlo: “Si stanno comprando tutto”. Ecco, di seguito, cosa sta succedendo

Le straordinarie vittorie di Jannik Sinner, numero 4 del ranking Atp ed eroe della conquista della Coppa Davis – 47 anni dopo la prima insalatiera d’argento del tennis italiano – hanno ridato smalto e popolarità a uno sport che, dopo i fasti dell’era di Adriano Panatta, era finito nelle retrovie nella graduatorie delle preferenze degli sportivi italiani.

Tennis, "si stanno comprando tutto"
Non si può far nulla: “Si stanno comprando tutto” (Ansa)-wigglesport.it

Il campione di San Candido è conteso dagli sponsor che sono disposti a fargli i ponti d’oro pur di associare il suo nome e la sua immagine, che veicola, oltre al talento, valori quali determinazione, predisposizione al sacrificio e al duro lavoro per raggiungere un obiettivo, fair play, educazione, ecc., ai loro brand così come le dirette televisive dei suoi match all’Atp Finals di Torino e in Coppa Davis hanno registrato ascolti da Nazionale di calcio.

Già. Ora come ora lo sportivo italiano più popolare, ammirato e, come detto, corteggiato dagli sponsor è Jannik Sinner, un tennista e non un calciatore, come sarebbe scontato in un Paese in cui l’interesse degli appassionati è vampirizzato dal calcio, anche perché – inutile mettere la testa sotto la sabbia – al momento il calcio italiano non esprime un Roby Baggio, il ‘Divin codino’, o un Francesco Totti o un Paolo Maldini, solo per limitarci agli ultimi 20/30 anni, in grado di accendere la fantasia dei tifosi.

Insomma, grazie a Sinner il tennis mette sì in discussione l’egemonia calcistica nel nostro Paese ma purtroppo non per molto visto che anche lo sport con la racchetta è finito nel mirino di coloro che ‘si stanno comprando tutto’ senza che si possa fare alcunché per impedirglielo.

Tennis, il monito di Adriano Panatta: “Gli arabi si stanno comprando tutto”

L’ex numero 1 del tennis italiano, Adriano Panatta, a margine del suo incontro con gli studenti romani sullo sport e l’inclusione, ha così commentato la nuova nomina di Nadal, ex numero 1 ATP e 22 titoli dello Slam in bacheca, ad ambasciatore del tennis saudita nel mondo: “Se parliamo di diritti umani andrebbe fatta una trasmissione a parte…Dico solamente che gli arabi si stanno comprando tutto: calcio, golf, tennis, automobilismo. Questo è il mondo, purtroppo“.

Panatta arabi si stanno comprando tutto
Panatta: “Gli arabi si stanno comprando tutto” (Ansa)-wigglesport.it

Pienamente condivisibile l’amarezza dell’ex campione di tennis per un mondo che gira attorno al denaro che di fatto può comprarsi tutto e per dei campioni che, dietro un lauto compenso, non esitano a mettere la loro enorme popolarità a disposizione di Paesi che certo non brillano per il rispetto dei diritti umani consentendo cos’ loro di ripulire la loro immagine ‘appannata’. Ma, ahinoi, così va il mondo…(dello sport), ha ragione da vendere Adriano Panatta.

Impostazioni privacy