Sinner, l’ammissione non lascia dubbi: non poteva farcela

Prima dei grandi recenti successi in Coppa Davis e Australian Open, Sinner era stato criticato per una scelta: ecco il suo pensiero in merito.

Le grandi imprese di un campione dello sport italiano come Jannik Sinner sono da qualche mese note al grande pubblico e il talento altoatesino riscuote sempre più consensi. Parliamo senza dubbio di un vanto per tutto il movimento sportivo del nostro Paese, un tennista in rampa di lancio che continua a collezionare successi. Negli ultimi mesi ha prima trascinato l’Italia alla vittoria della Coppa Davis e poi trionfato agli Australian Open, due eventi che mancavano da anni.

Sinner, la rivelazione è netta
Jannik Sinner lo ha ammesso, è stato costretto (Lapresse) Wigglesport

Nonostante questi grandi trionfi per l’atleta classe 2001 non sono sempre mancate le critiche nel corso della sua carriera. Alcuni mesi fa – nello specifico nel mese di settembre – era infatti stato bersagliato parecchio per aver deciso di non prendere parte ad alcuni impegni preliminari con il gruppo azzurro proprio in Coppa Davis.

Sinner rivela il mistero: chiarito tutto

La scelta di Sinner di non partecipare a quegli incontri era dettata dalle sue condizioni fisiche deficitarie dato che era reduce da un periodo ricco di impegni che lo avevano stancato molto e quindi non sarebbe stato in grado di dare il massimo per la squadra azzurra.

A ritornare sull’argomento è lo stesso tennista natio di San Candido che in una recente conferenza in quel di Rotterdam è tornato su quell’episodio: “Le critiche ci sono e ci saranno sempre, non puoi fare contenti tutti. Devi affrontarle con la giusta mentalità. Nel 2022 avevo perso contro Carlos Alcaraz allo US Open in cinque set. Avevamo finito tardi poi ero andato in Davis, ma non avevo giocato al cento per cento”.

Sinner-Coppa Davis, l'azzurro è netto: annuncio in conferenza
Il campione italiano torna sulla sua scelta di non prendere parte alle prime parte di Coppa Davis (LaPresse – WiggleSport)

A settembre 2023 Sinner era stato sconfitto in cinque set da Zverev negli ottavi di finale degli US Open. Per tale ragione non si sentiva in grado di dare il massimo nella Coppa Davis e ha preferito lasciare spazio a qualche altro compagno più in forma di lui: “Stavolta la situazione non era uguale, ma simile. Ho pensato che fosse meglio lasciare che giocassero gli altri per arrivare pronto alla fine della stagione. A Malaga ho dato il cento per cento”.

La crescita di Sinner è soprattutto mentale oltre che fisica e l’azzurro da questi piccoli particolari spiega perchè ormai è uno dei tennisti più forti del circuito, un talento destinato a essere il presente e il futuro del tennis mondiale.

Impostazioni privacy