Sinner è già nella storia: i numeri parlano chiaro

Le clamorose performances degli ultimi mesi hanno consentito a Sinner di entrare nella storia del tennis a soli 22 anni

Da promessa a campione. Da predestinato a fuoriclasse. Da talento da coltivare con cura a giocatore che sembra ormai inarrestabile. C’è qualcosa di magico nell’ascesa di Jannik Sinner, il tennista che ha fatto impazzire l’Italia intera negli ultimi mesi a suon di vittorie e trionfi in ogni angolo del mondo.

I numeri di Jannik Sinner lo fanno entrare di diritto nella storia dell'Italtennis
Jannik Sinner, come essere nella storia a soli 22 anni (LaPresse) – Wigglesport.it

E dire che, nonostante fosse chiaro il potenziale umano a disposizione, qualcuno aveva iniziato a dubitare del reale valore del nativo di San Candido. ‘Colpa’ probabilmente – almeno in qualche misura – della precocità con la quale l’altro grande talento generazionale, quel Carlos Alcaraz nato oltre un anno e mezzo dopo di lui, aveva iniziato ad accumulare titoli del Grande Slam. Raggiungendo anche, da tennista più giovane della storia a farlo, la vetta del ranking ATP.

Sinner è esploso più tardi – se mai fosse tardi farlo a 22 anni – ma sembra non volersi fermare più. Solo nel 2023, anno in cui l’altoatesino ha davvero cambiato marcia, Jannik ha vinto ben 4 tornei ATP. A cui dobbiamo necessariamente aggiungere la Coppa Davis, kermesse tecnicamente fuori dal circuito ma dal prestigio innegabile. Il 2024 è poi iniziato con la ciliegina sulla torta. Con il punto di arrivo, che però nella volontà dell’atleta è anche un punto di partenza, di un percorso agonistico serio. Meticoloso. Maniacale. E bagnato da un grande talento, che lo ha già fatto entrare, numeri alla mano, nella storia del tennis italiano.

Da Sofia a Melbourne, Sinner è già il migliore di tutti i tempi

Aveva compiuto 19 anni solo da qualche mese, Sinner, quando vinse il suo primo titolo ATP in quel di Sofia nel novembre del 2020. Da lì è partito un viaggio che lo avrebbe fatto diventare, in poco più di tre anni, il tennista italiano più vincente di sempre. I numeri, del resto, non mentono.

Melbourne, Washington, ancora Sofia e Anversa nel 2021; Umago nel 2022; Montpellier, Toronto, Pechino e Vienna nel 2023; e gli Australian Open nel primo ed unico torneo finora disputato nel 2024: oltre alla prima già citata vittoria in Bulgaria sono questi, e sono ben 11, i trionfi nel circuito ATP dell’allievo di Simone Vagnozzi. 

Jannik Sinner è nella storia: numeri incredibili
Jannik Sinner, l’Italia del tennis è ai piedi dell’altoatesino (LaPresse) – Wigglesport.it

Numeri che lo hanno posto già in cima alla classifica all time dei tennisti italiani più vincenti di sempre. Dietro il campione altoatesino è fermo a quota 10 Adriano Panatta, seguito da Fabio Fognini a 9 e da Matteo Berrettini, fermo a 7 titoli da un po’.

La classe dell’eroe di Malaga lascia presupporre che ben presto, forse prima di quanto possiamo immaginare, questo numero salirà. Ancora. Vertiginosamente. Fino a raggiungere vette che difficilmente potranno essere superate da alcuno nei prossimi anni.

Impostazioni privacy