Sinner batte Alcaraz, la sentenza ufficiale non lascia dubbi

Sinner è riuscito a battere ancora una volta il fenomeno iberico Alcaraz: il verdetto è impietoso, è già tutto scritto.

Nella parte finale della stagione è stato un vero e proprio caterpillar. Ha asfaltato i suoi avversari con estrema disinvoltura, come se avesse a che fare con dei tennisti che stazionavano nelle retrovie del ranking Atp e non ai piani alti della classifica mondiale.

Per Ljubicic Sinner è più forte di Alcaraz
La sentenza su Sinner penalizza Alcaraz (AnsaFoto) – Wigglesport.it

Con un Jannik Sinner così non ce n’è stato per nessuno. Tutti i top player del circuito maggiore hanno avuto la possibilità di assaggiare la furia dei suoi colpi e molti, oltretutto, ne sono rimasti scottati. Si pensi a Daniil Medvedev, tanto per fare un esempio, che ha dovuto arrendersi all’altoatesino per ben tre volte nel giro di poco più di un mese. Ma anche a Novak Djokovic, che durante le Nitto Atp Finals, che suo malgrado ha poi vinto, ha sudato freddo perché sconfitto appunto, durante la fase a gironi, dal suo avversario altoatesino, carico a pallettoni. È stato l’anno della svolta, insomma. Quello in cui il nativo di San Candido è cresciuto fino a divenire, a sua volta, un campione di quelli che difficilmente si contrastano.

Va da sé, allora, che dopo un 2023 così i riflettori siano puntati su di lui. Sarà indubbiamente uno dei massimi protagonisti della stagione che sta per iniziare e sono in tanti, al momento, a pensare che dovrebbero stare tutti molto attenti a lui. Anche chi crede di non avere rivali. Perché guai a sottovalutare un Jannik così: il rischio è quello di farsi male, molto male.

Con un Sinner così non ce n’è per nessuno: profezia a senso unico

C’è tra l’altro qualcuno che, ancor più di altri, sembra assolutamente certo del fatto che Jannik sia divenuto l’avversario da temere. Si tratta di Ivan Ljubicic, che ha allenato Roger Federer e che il talento, quello vero, lo ha dunque visto coi suoi occhi e “maneggiato” per diversi anni.

Per Ljubicic Sinner è più forte di Alcaraz
Carlos Alcaraz e Jannik Sinner sono rivali ma anche amici (AnsaFoto) – Wigglesport.it

“In questo momento – ha riferito alla Gazzetta dello Sport il tecnico croato – Jannik è il primo rivale di Djokovic, lo metto poco davanti a Carlos Alcaraz e Daniil Medvedev. Va detto che il tennis vive di momenti e con la preparazione invernale cambia tutto. Ma ormai possiamo dirlo, Jannik è un top dei top nel circuito. Negli ultimi mesi mi hanno colpito la crescita e la costanza con cui ha lavorato nel 2022, Jannik è stato bravo a ricostruirsi psicologicamente dopo la delusione agli US Open”.

“Io sono sempre stato convinto della bontà del suo lavoro – ha aggiunto ancora – e di quello del suo team, ora bisognerà confermarsi nei tornei del Grande Slam ma non credo che sia un problema”. Farebbe bene a guardarsi le spalle, dunque, Carlos Alcaraz, ma non solo, in quanto principale antagonista del fenomeno altoatesino ormai esploso a tutti gli effetti. Se è vero quello che dice Ljubicic, la corsa al trono, da questo momento in poi, sarà più ostica e in salita che mai.

Impostazioni privacy