Ritiro e addio: nel 2002 è riuscito solo a Schumacher

Quanto accaduto nell’ultimo Gran Premio disputato in Australia consente a Michael Schumacher di rimanere l’unico ad aver compiuto un’impresa memorabile in Formula 1

Weekend di pausa per la Formula 1, quello appena trascorso. Nel prossimo, si torna in pista su uno dei tracciati storici del Mondiale. A Suzuka, si disputa l’edizione 2024 del Gran Premio del Giappone, in un’inedita collocazione nel calendario considerato come, da sempre, l’evento nipponico era tra le gare conclusive della stagione.

annuncio su Schumacher
record Schumacher (Lapresse) Wigglesport

A Suzuka, la Ferrari cerca conferme dopo la trionfale doppietta del GP di Australia, vinto da Sainz con Leclerc al secondo posto. Una vittoria che ha permesso alla Ferrari di ribadire una ritrovata competitività al cospetto di una Red Bull che si è ritrovata in una situazione, di fatto, inedita.

Erano due anni, infatti, che Verstappen non terminava una gara per ritiro. Era accaduto precedentemente proprio sullo stesso circuito di Albert Park nel 2022. All’epoca, Max si è dovuto arrendere per un guasto alla power unit, stavolta, per un’anomalia all’impianto frenante che ha causato anche un principio di incendio sulla monoposto.

Verstappen si ritira e “salva” il record di Schumacher

Considerata l’indubbia superiorità della Red Bull, non era affatto un azzardo ipotizzare, a inizio stagione, nuovi record e primati per Max Verstappen. Uno, tuttavia, è già svanito proprio con il ritiro di Melbourne.

Quest’ultimo infatti impedirà al campione olandese di andare a podio in tutte le Gare del Mondiale di Formula 1, un’impresa quest’ultima riuscita solo a Michael Schumacher nel Mondiale 2002, nel quale l’indimenticato campione tedesco vinse 11 delle 17 Gare in calendario, concludendo le restanti sei tra i primi tre.

Verstappen record gare a podio Schumacher Formula 1
Verstappen, il possibile record è già svanito (LaPresse) – Wigglesport.it

Schumacher stravinse quel Mondiale, il terzo consecutivo con la Ferrari, con 144 punti, quasi il doppio del compagno di squadra, Rubens Barrichello, secondo a 77. All’epoca – va precisato –  l’assegnazione dei punti in Formula 1 era diversa da quella attuale, peraltro con meno gare in calendario.

Lo scorso anno, Verstappen ha sfiorato l’impresa riuscita a Schumacher. Nel 2023, infatti, Max ha terminato 22 delle 23 gare in calendario sul podio. Solo in un’occasione non ci è riuscito, al GP di Singapore dello scorso settembre. A vincerlo è stato proprio Carlos Sainz, al termine di un’altra gara condotta quasi totalmente al comando fin dalla partenza.

Nello scorso Mondiale, Verstappen ha eguagliato un record di Schumacher, diventando campione del mondo con sei gare di anticipo, stessa impresa riuscita a Michael proprio nel 2002. L’olandese, tuttavia, lo ha superato nel numero di gare in cui è stato ininterrottamente al comando della classifica del Mondiale, 39 dal GP di Spagna 2022 a quello di Abu Dhabi 2023 contro le 38 di Schumi dal GP degli Stati Uniti del 2000 a quello del Giappone 2002.

Impostazioni privacy