Retroscena Sinner, spunta tutta la verità: i tifosi sono sconvolti

L’impresa compiuta dalla Nazionale italiana di tennis resterà nella storia dello sport azzurro. Così come il gesto unico di Jannik Sinner

Un trionfo che è già entrato di diritto nella storia dello sport italiano. Del resto non capita tutti i giorni di vincere una Coppa Davis: all’Italia è successo solo due volte, nel lontano 1976 e qualche giorno fa, quarantasette anni dopo. E non può essere un caso che l’impresa sia riuscita grazie al contributo decisivo di un singolo grande campione: accadde con Adriano Panatta in Cile quasi mezzo secolo orsono, si è ripetuto qualche giorno fa a Malaga con Jannik Sinner nei panni del leader e trascinatore dell’intera squadra. Sia contro l’Olanda ai quarti che soprattutto contro la Serbia in semifinale il contributo del ventiduenne altoatesino è stato determinante.

Sinner è stato decisivo
Sinner decisivo in Coppa Davis (LaPresse) – Wigglesport.it

I tre match point consecutivi annullati a Novak Djokovic resteranno scolpiti per sempre nella storia del tennis. Un’autentica e quasi irripetibile impresa che ha fatto impazzire di gioia milioni di tifosi italiani, compresi coloro che quasi mezzo secolo fa regalarono all’Italia del tennis la prima Coppa Davis della sua storia. Sinner ha infine concluso il suo capolavoro liquidando senza problemi in due soli set il rivale e amico Alex De Minaur. Le immagini del trionfo azzurro e della premiazione appartengono già all’album dei ricordi più belli.

Sinner, la rivelazione del presidente Binaghi mette i brividi: tifosi senza parole

Eppure c’è stato il rischio concreto che tutto questo rimanesse solo un sogno irrealizzato. È il presidente della Federazione italiana tennis, Angelo Binaghi, a rivelare a distanza di qualche giorno un retroscena che mette i brividi. In un’intervista rilasciata al quotidiano L’Unione Sarda il presidente federale nel parlare di Sinner e delle sue mirabolanti imprese ha fatto venire un brivido a tutti i tifosi italiani: “Sinner non riusciva ad alzarsi e a rimanere in piedi, è tornato a letto dopo colazione, domenica a mezzogiorno non stava in piedi. Per fortuna stiamo parlando di un atleta così serio, che ama il lavoro, rispetta gli impegni presi e che non si risparmia“.

Binaghi difende Sinner
Angelo Binaghi presidente della Federtennis (LaPresse) – Wigglesport

Sembra chiaro il riferimento alle tante critiche, in gran parte fuori luogo, che Sinner ha dovuto incassare dopo la rinuncia a giocare i match di qualificazione alla fase finale della Coppa Davis, la scorsa primavera a Bologna. Nessuno d’ora in poi potrà mettere in discussione il reale attaccamento del campione di San Candido alla maglia azzurra.

Impostazioni privacy