Red Bull, il caos è totale: Verstappen avvisato, sono guai seri

Nonostante l’ennesima vittoria, in casa Red Bull il clima è tutt’altro che sereno. C’è aria di possibile resa dei conti, tutto può succedere

Secondo Gran Premio della stagione e secondo dominio incontrastato della Red Bull. In Arabia Saudita Verstappen e Perez hanno realizzato un’altra doppietta lasciando le briciole alla concorrenza. Tutto lascia pensare insomma ad un altro monologo delle vetture di Milton Keynes nel mondiale di Formula 1.

Caos totale intorno a Verstappen
Verstappen, il messaggio al pilota è netto (LaPresse) – Wigglesport.it

Ciononostante il clima all’interno della scuderia anglo-austriaca appare tutt’altro che idilliaco: il cosiddetto ‘caso Horner’ si è ridimensionato, ma gli strascichi polemici inoculano nuovi veleni all’interno del team. A rischio sono soprattutto i rapporti tra le due anime della Red Bull: da una parte il team Principal, dall’altra il clan Verstappen.

Il paradosso venutosi a creare è che mentre in pista la RB20 domina in lungo e in largo, lontano dai circuiti e all’interno del team si respira un’atmosfera da resa dei conti. Anche dal termine della gara, al di là dei sorrisi e della legittima soddisfazione per un’altra schiacciante vittoria, il clima al box Red Bull non era dei più sereni.

Intervistato dai cronisti presenti in pista, Chris Horner ha voluto inviare un messaggio a chi secondo lui si considera da qualche tempo  più importante della scuderia stessa. In sostanza, un avviso ai naviganti che aveva come principale e unico destinatario Max Verstappen.

Verstappen, che bordata: il messaggio di Chris Horner lascia tutti senza parole

Horner è tornato di nuovo al centro della galassia Red Bull grazie al sostegno incondizionato del maggiore azionista del team, il business Man thailandese Chalerm Yoovidhya, il quale durante un incontro avuto qualche giorno fa con il manager di Verstappen, Raymond Vermeulen, lo avrebbe ammonito sul fatto che nessuno possa sentirsi più grande del team.

Verstappen bacchettato da Horner
Max Verstappen è ai ferri corti con Chris Horner (LaPresse) – Wigglesport.it

Rinfrancato e di nuovo sicuro sulla tolda di comando, Horner ha così bacchettato implicitamente Verstappen, pur senza attaccarlo direttamente, ai microfoni di Sky Sports nell’immediato dopo gara. “Nessuno è al di sopra di un team di 1400 persone. Helmut è un consulente Red Bull e Verstappen rappresenta una parte del team di grande valore”.

“Max – ha proseguito Horner -, ha centrato il  centesimo podio e noi come team abbiamo superato i podi della Williams in appena 20 anni di storia. Nessuno è al di sopra del lavoro di tutte le persone che rendono possibili questi risultati”. Nessuno, dunque neanche un grande campione come Max Verstappen.

Impostazioni privacy