Pogba, retroscena da brividi: tifosi sconvolti

Assurde rivelazioni e retroscena sul conto di Paul Pogba, protagonista suo malgrado di una vicenda ai limiti del paradosso

La carriera di Paul Pogba negli ultimi anni è letteralmente finita in malora. Nonostante fosse considerato fino a poco tempo fa uno dei migliori centrocampisti al mondo, il talento francese è riuscito a rovinare il proprio percorso con scelte personali negative e anche per un po’ di sfortuna.

Pogba rapimento clamorosa indiscrezione
Paul Pogba, l’ultimo retroscena è sconcertante (Ansa) – Wigglesport.it

Attualmente il numero 10 della Juventus è fermo in attesa della sanzione definitiva per la squalifica per doping, ennesima macchia sulla sua carriera che rischia di rovinare quest’ultima parte del suo cammino da calciatore.

La parabola discendente di Pogba è cominciata già a Manchester, tra prestazioni sotto tono e atteggiamenti poco professionali, senza dimenticare la sequenza di infortuni muscolari subiti in modo ravvicinanto.

Non bastasse questo quadro già desolante, Pogba è stato protagonista suo malgrado di una vicenda assurda e paradossale che è tornata a galla negli ultimi giorni. Ci riferiamo a quanto avvenuto nel marzo 2022, quando un gruppo di persone, alcune delle quali molto vicine al calciatore francese, organizzarono una sorta di rapimento per estorsione ai suoi danni.

Rapimento Pogba, spuntano nuove indiscrezioni

La storia, di cui si è già parlato in passato, nasce dalla rottura fra Pogba ed alcuni amici e parenti del calciatore, che avrebbero chiesto aiuti economici all’ex United ma mai ricevuti. Da qui l’idea malsana di rapire il giocatore della Juve, tanto da presentarsi incappucciati ed armati alla Continassa per prelevarlo e chiedere in cambio la somma di 13 milioni di euro e la gestione del suoi diritti di immagine.

Pogba rapimento clamorosa indiscrezione
Spunta una clamorosa indiscrezione sul tentativo di rapimento di Pogba (Ansa) – Wigglesport.it

Sembra che nell’affare fosse coinvolto anche il fratello Mathias, ex difensore del Pescara, con cui Paul Pogba ha interrotto ogni tipo di relazione familiare. Un vicenda di cui ancora oggi si parla e su cui si indaga soprattutto dopo gli ultimi elementi raccolti dal quotidiano francese L’Equipe.

Nelle recenti intercettazioni raccolte dagli inquirenti, sembra rispuntare il nome di Adama C., parente ed amico di infanzia di Pogba, già lo scorso anno accusato di essere la mente del possibile rapimento. Il calciatore stesso aveva però difeso la persona in questione, ammettendo di non credere nel suo coinvolgimento. Ma la scoperta di alcuni messaggi telefonici sembrano poter incastrare Adama C., che potrebbe essere individuato come il fulcro dell’operazione.

Dopo la morte di Mino Raiola, ex procuratore di Pogba, la banda aveva provato ad estorcere con la forza il denaro al calciatore con la minaccia di rivelazioni scabrose sul suo conto. Una storia davvero assurda e triste, che conferma come le scelte calcistiche e private di Pogba non siano state proprio azzeccate.

Impostazioni privacy