Non solo Sinner, è un vero incubo: Djokovic distrutto

Per il numero 1 del tennis, Novak Djokovic, è un autentico incubo: non c’è solo il campione di Sesto Pusteria, Jannik Sinner

Il trono di Novak Djokovic vacilla pericolosamente. Dall’inizio del 2024 il fuoriclasse serbo non ancora messo in bacheca alcun titolo.

Djokovic, è un vero incubo
Djokovic, è un vero incubo: non c’è solo Sinner (Ansa)-wigglesport.it

Non era mai successo che l’attuale numero 1 del ranking Atp a questo punto della stagione fosse a ‘zero tituli’ per rispolverare una delle più celebri battute dello Special One, al secolo José Mourinho.

D’altronde, l’età avanza anche per il serbo che il 22 maggio spegnerà 37 candeline. Dei “Big Three” che hanno dominato la scena del tennis mondiale negli ultimi 20 anni ‘King’ Roger Federer ha appeso la racchetta al chiodo mentre Rafael Nadal è ai titoli di coda della sua straordinaria carriera come certifica il suo ritiro dal Masters 1000 Indian Wells alla vigilia del match di debutto contro il canadese Milos Raonic.

Resiste il solo serbo che però sta vivendo un incubo a tinte tricolori. Eh già, a non far dormire sonni tranquilli al recordman di titoli dello Slam (24), infatti, non è solo Jannik Sinner.

Djokovic, non solo Sinner: battuto anche da Luca Nardi

Gli italiani sono la bestia nera di Novak Djokovic. Al campione di Sesto Pusteria, che lo ha mandato al tappeto nelle semifinali di Coppa Davis e dell’Australian Open, si è aggiunto quello che fino a ieri era un carneade della racchetta.

Impresa da sogno per il 20enne Luca Nardi che da Lucky loser ha sconfitto 64 36  63 il numero 1 del ranking Atp e del seeding del Masters 1000 Indian Wells. Il pesarese, ripescato dopo le qualificazioni dove è stato eliminato da Goffin, si è imposto in 2h22′ resistendo al ritorno del serbo.

“Battere Djokovic era il mio sogno”, ha commentato a caldo il numero 106 del mondo che dopo l’exploit con Nole entrerà nei primi cento del ranking Atp, per la precisione al numero 95.

Luca Nardi ha sconfitto Djokovic
Anche Luca Nardi ha mandato al tappeto Djokovic (Ansa)-wigglesport.it

Se il 20enne pesarese sta vivendo un sogno a occhi aperti per aver battuto tra l’incredulità di tutti quello che è il suo idolo sportivo sin da quando era un bambino (“Sono senza parole. Ho la foto di Novak nella mia camera. È il mio mito“), il serbo è perseguitato dall’incubo dell’Italtennis.

A testimoniarlo è un dato statistico evidenziato da Eurosport in un suo post su ‘X’: dall’inizio del 2023 Nole ha un record di 62 vittorie e sole 5 sconfitte nei match contro tennisti del resto del mondo ma contro gli italiani il serbo vanta due trionfi a fronte di 5 battute d’arresto.

Insomma, gli italiani ‘do it better’ anche quando incrociano su un campo da tennis il numero 1 del mondo Novak Djokovic sul quale la bandiera italiana ha ormai lo stesso effetto della kryptonite su Superman.

Impostazioni privacy