Max Verstappen fa discutere: il messaggio spiazza tutti

Il campione del mondo del 2023 ha lanciato un messaggio che ha spiazzato tutti e che sta facendo molto discutere nel mondo della Formula 1

Max Verstappen è un personaggio particolare del Circus, sempre molto schietto e diretto nelle sue dichiarazioni. Le ultima parole hanno fatto il giro del web perché pongono l’attenzione su un aspetto dibattuto.

Max Verstappen nella bufera
Le dichiarazioni di Max Verstappen sconvolgono la F1 (WiggleSport – ANSA)

Il terzo mondiale è già in cascina e Max Verstappen non ha nessuna intenzione di fermarsi. Fino a questo momento è stato l’assoluto dominatore della F1, un predestinato in grado di vincere la prima gara che ha disputato sulla Red Bull (GP di Spagna 2016). Una coincidenza più unica che rara che ha mostrato però al mondo la sua straordinaria forza e talento, fino ad arrivare al titolo strappato a Lewis Hamilton nel 2021. 

Max non è di certo il classico campione omologato al sistema, ma un personaggio in grado di essere speciale anche nelle sue dichiarazioni. Molto spesso non accoglie il favore di colleghi e addetti ai lavori, ma lui è fatto così e non dice mai ciò che non pensa. L’ultimo esempio lo abbiamo avuto a Las Vegas, quando ha bollato l’evento come “al 99% show e 1% sport“. Un modo un poco duro di bollare il ritorno del Circus in una location da sogno, ma al numero 1 della Red Bull poco importa.

Liberty Media e diversi tifosi sono rimasti sorpresi dalle sue parole ma in questo momento la sua popolarità è talmente elevata che può permettersi questo ed altro. La Formula 1 ha bisogno di Super Max.

Verstappen, le sue parole fanno sempre discutere: questa volta tira in ballo Liberty Media

Secondo quanto riportato dal sito racingnews365.com, Verstappen ha però espresso recentemente un altro concetto piuttosto controverso sulla Formula 1.

Verstappen fa discutere
Tutti stupiti per le dichiarazioni di Max Verstappen (WiggleSport – ANSA)

Max ha ribadito come: “I piloti non sono azionisti della F1 e per questo possono esprimere liberamente il loro pensiero. Poi per decidere ci sono i proprietari”.

L’olandese poi aggiunge: “Se fossi io a prendere le decisioni farei la stessa cosa, ovvero non darei peso alle opinioni dei piloti e andrei dritto per la mia strada“. Insomma un chiaro riferimento alle critiche ricevute dopo Las Vegas, quando qualcuno gli ha rinfacciato di sputare nel piatto in cui mangia. In realtà il pilota della Red Bull è stato sempre molto sincero, parlando di grande lavoro da parte di Liberty Media sotto il profilo economico ma di strada sbagliata per quanto concerne l’aspetto sportivo.

Impostazioni privacy