Marquez gelato: è caduto in trappola

Doccia gelata per Marc Marquez: l’otto volte campione del mondo di motociclismo è caduto nella trappola. Ecco cosa sta succedendo

Il Mondiale 2024 della MotoGp si è aperto come si è chiuso quello precedente, nel segno del bicampione iridato in carica Francesco Bagnaia. Il centauro della Ducati nel Gran Premo inaugurale del Qatar ha fatto la voce grossa mettendo così subito le cose in chiaro: è ancora lui l’uomo da battere.

Doccia gelata per Marquez
Doccia gelata per Marquez: è caduto in trappola (Ansa)-wigglesport.it

Ora il Circus della MotoGp farà tappa a Portimao, per il Gran Premio del Portogallo, il cui circuito rievoca ricordi dolceamari a Marc Marquez. Infatti, il campione di Cervera – il cui debutto in sella alla Rossa di Borgo Panigale del team Gresini è stato più che positivo (4° posto) – proprio sulla pista dell’Autodromo Internacional do Algarve, nel 2023, è rimasto sì coinvolto in un incidente con Miguel Oliveira e Jorge Martín ma ha anche conquistato la sua ultima pole position oltre a salire sul terzo gradino del podio nella prima Sprint Race in assoluto, vinta da ‘Pecco’ Bagnaia.

Dunque, ci sono i presupposti perché il Cabroncito possa migliorare il quarto posto nel Gran Premio del Qatar. Tuttavia, Marc Marquez non si fa tante illusioni dopo essersi reso conto di essere caduto nella trappola della Ducati.

MotoGp, Marc Márquez aspira al terzo posto

L’otto volte campione del mondo, come è noto, dopo11 anni ha lasciato la Honda per accasarsi al team Gresini con il dichiarato intento di poter dire la sua, dopo le ultime anonime stagioni in sella alla moto della casa dell’ala dorata, nella lotta per il titolo iridato.

Ciononostante, come anticipato nel primo paragrafo, il Cabroncito ha fin troppa esperienza per non sapere che le differenze in termini di potenza tra la Desmosedici GP24 ufficiale e quella di un team satellite sono tali da non consentirgli di impensierire l’attuale leader iridato.

Marquez punta al podio
Marquez punta a essere il migliore dopo Bagnaia e Martin (Ansa) Wigglesport.it

Motivo per il quale, come ha confessato nel corso di un colloquio con i media, secondo quanto riportato da “Elnacional.cat”, l’obiettivo stagionale del campione di Cervera è quello di proseguire nel suo percorso di adattamento alla Desmosedici senza perdere troppo terreno dal bicampione iridato in carica:

In questo momento non sarebbe realistico, visto il momento in cui ci troviamo e da dove veniamo, pensare di diventare campione del mondo” anche perché “una delle cose che ho imparato è che bisogna porsi obiettivi realistici nella vita”.

Ovviamente ciò non significa che l’otto volte iridato non proverà a ridurre il gap da Bagnaia e Martin, che dettano il ritmo e che, pertanto, duelleranno per il titolo, ma che per il momento lotterà per il podio puntando a essere il migliore dopo loro due: Pecco Bagnaia e Jorge Martin stanno andando molto forte, sono i due che hanno lottato per il titolo l’anno scorso e la verità è che fanno la differenza“. 

Impostazioni privacy