“Li ha schiacciati”: Sinner, la rivelazione lascia di sasso

C’è tantissima attesa per l’inizio di un torneo importante come il Master 1000 di Indian Wells, anche se prima bisogna segnalare una rivelazione su Jannik Sinner che lasciato tutti di sasso.

Jannik Sinner, dopo aver vinto in successione la Coppa Davis con l’Italia di Filippo Volandri, gli Australian Open (suo primo Slam della carriera) ed il Rotterdam Open (torneo ATP 500), si sta preparando al meglio per farsi trovare pronto ad uno dei Master 1000 più importanti dell’intera annata tennistica, ovvero il torneo di Indian Wells.

Rivelazione su Sinner
Una recente rivelazione su Jannik Sinner ha davvero sorpreso un po’ tutti (Ansa Foto) wigglesport.it

Basti pensare che quest’ultimo, insieme all’altro Master 1000 statunitense di questo periodo primaverile (cioè il Miami Open), sono considerati come un ‘piccolo grande Slam’. Jannik Sinner arriva a questo torneo così importante da numero tre al mondo e, vista lo scarso margine tra i due, ha la possibilità di spodestare Carlitos Alcaraz dalla seconda posizione della classifica ATP. 

L’azzurro debutterà contro Thanasi Kokkinakis ed ha un sorteggio piuttosto complicato, ma in tanti sperano in una possibile  semifinale tra Jannik e Carlos Alcaraz, rivincita dello scorso anno. L’azzurro, in caso di vittoria, effettuerebbe il tanto atteso sorpasso.  Intanto emergono delle dichiarazioni che hanno fatto rumore e che riguardano proprio il talento azzurro ed il fenomeno di Murcia

Jannik Sinner, la sentenza di Volandri è netta

Di questo ne è convinto il capitano dell’Italia, ovvero Filippo Volandri. Quest’ultimo, esattamente nel corso di ‘Tennis Talk’ (programma in onda su SuperTennis), ha infatti rilasciato queste dichiarazioni:

“Questa generazione di mezzo di tennisti è stata un po’ schiacciata dai Big Three e dall’arrivo di Carlitos Alcaraz e Jannik Sinner. Stiamo parlando di giocatori forti come Stefano Tsitsipas“. Si parlava di questi atleti come possibili erede dei Top, ma tutti questi sono stati distrutti o quasi mentalmente, prima dai Big Three ed ora dall’arrivo della nuova generazione.

Parole di Volandri
Filippo Volandri si è soffermato sia Jannik Sinner che Carlitos Alcaraz (Ansa Foto) wigglesport.it

Filippo Volandri ha poi concluso il suo intervento: “Di questo ne ha parlato anche Paolo Lorenzi e devo dargli ragione. Questa generazione è stata sicuramente schiacciata dalle vittorie dei giovani e da quelle dei meno giovani che hanno trascinato questo sport per così tanti anni”. Ma andiamo a vedere qual è questa ‘generazione di mezzo’ di tennisti.

Stiamo parlando di giocatori di talento nati tra il 1996 ed il 1998: da Daniil Medvedev e Stefanos Tsitsipas, passando per Andrey Rublev ed Alexander Zverev, a Casper Ruud, Hubert Hurkacz e Taylor Fritz. Questi ultimi, di fatto, hanno sofferto sia il dominio dei big Four (Federer, Nadal, Djokovic e Murray) che l’avvento di due prossimi ‘cannibali’ di questo sport come appunto il nostro Jannik Sinner e lo spagnolo Carlitos Alcaraz

Impostazioni privacy