Italia, due impegni per sapere chi siamo

Gli azzurri di Spalletti scendono in campo con l’unico obiettivo di blindare la qualificazione

La nazionale di Luciano Spalletti torna in campo con l’unico obiettivo di aggiudicarsi il biglietto di partecipazione agli Europei di Germania 2024.

I prossimi impegni, con Malta e Inghilterra, daranno il via al girone di ritorno. Girone che vede gli uomini di Spalletti al secondo posto in classifica con sette punti, a pari merito con Ucraina e Macedonia del Nord, anche se gli azzurri devono recuperare una partita con conseguente possibilità di arrivare ad un esclusivo secondo posto.

Luciano Spalletti
Immagine | ANSA – wigglesport.it

L’ottimismo non manca, soprattutto dopo che la vittoria contro l’Ucraina, lo scorso turno, ha regalato serenità all’ambiente scongiurando in parte quei fantasmi delle mancate qualificazioni ai Mondiali 2018 e 2022 che nell’ultimo periodo della gestione Mancini erano tornati a farsi sentire.

I convocati

Tra i 27 convocati da Luciano Spalletti non mancano le novità: Riccardo Orsolini si unirà al gruppo mentre non ci saranno gli acciaccati Retegui e Immobile, inoltre, per la prima volta, è arrivata la convocazione per Udogie. Nonostante questo, gli undici che hanno iniziato la sfida di San Siro sono presenti nella lista del C.T. con la buona probabilità che si ripartirà proprio da loro, da quella formazione che ha saputo mostrare i primi segni dello stile di gioco di Spalletti, indubbiamente ancora in fase embrionale.

Le partite

La prima gara contro Malta è senza dubbio la meno impegnativa visto che si tratta del fanalino di coda del girone C con zero punti all’attivo. Nonostante ciò, all’andata gli uomini di Mancini hanno faticato molto per portare a casa un importante due a zero.

Molto più significativo è invece l’impegno in trasferta con l’Inghilterra, prima in classifica con 13 punti e cinque partite giocate. La sfida si disputerà a Wembley, lo stesso stadio che tre anni fa ci portò a sognare vincendo l’Europeo dopo 52 anni. In questa occasione l’Italia potrà mostrare finalmente la sua maturità, con Spalletti che per la prima volta si confronterà con un avversario di primo livello.

La gara d’andata si è conclusa a favore degli inglesi, usciti vittoriosi con due reti a uno grazie ai gol di Rice e Keane, in una partita che aveva messo in mostra una superiorità tattica oltre che tecnica della squadra britannica.

Ora però le cose sono cambiate, l’Italia ha un nuovo allenatore e di conseguenza nuovo entusiasmo. E se ci vorrà tempo per vedere una squadra “Spallettiana” degna del Napoli dello scorso anno, il momento di mostrare il carattere è invece proprio questo. È necessario blindare la qualificazione e dimostrare di avere la mentalità per iniziare un nuovo corso.

Nuove idee, nuovi giocatori e nuovi stimoli sono la base per tornare a competere in Europa.

Se i presupposti sono buoni saranno le prossime due partite a dircelo.

Impostazioni privacy