Incredibile Verstappen, fulmine a ciel sereno in F1: la decisione

Un episodio che potrebbe sconvolgere l’intero circus di Formula 1 e, soprattutto, il team di Milton Keynes. Occhio a come si evolverà la situazione.

Nel bel mezzo del ciclone che ha travolto la Formula 1 con la notizia di Lewis Hamilton in Ferrari dal 2025, c’è chi sta comunque pensando alla stagione che sta per iniziare. Tutta l’attenzione degli addetti ai lavori e, in qualche modo, dell’intero circus, sembra virata verso il 2025, come se il campionato che inizierà tra poche settimane non avesse più importanza.

Horner indagine
In Red Bull stanno preparando le prossime stagioni, ma occhio a quello che succede dentro al team (ansafoto.it) wigglesport.it

Nonostante molti la considerino una stagione di transizione, il 2024 servirà a molti team a continuare a sviluppare la monoposto in vista dei prossimi anni, per arrivare ben preparato al cambio di regolamento previsto per il 2026. Una di queste è senza dubbio Red Bull, che nelle ultime due stagioni ha accumulato un vantaggio enorme e non ha di certo intenzione di perderlo.

Il dominio dimostrato nel 2023, con 21 vittorie su 22 Gran Premi, è la testimonianza di una scuderia superiore che, secondo molti, continuerà a su questa falsariga almeno fino al 2026. Un pronostico importante che, però, rischia di non essere rispettato a causa di alcune frizioni interne al team e ad un episodio increscioso che potrebbe sconvolgere tutto.

Red Bull, da Horner a Verstappen: tremano i fan

Nonostante il dominio e la supremazia messo in pista nelle ultime due stagioni, all’interno del team Red Bull si starebbero creando delle crepe che potrebbero minare l’effettiva solidità dell’intera scuderia. A quanto pare il team Principal Christian Horner, leader tecnico ed emotivo del team Red Bull, è sottoposto ad indagine interna da parte dello stesso gruppo.

Horner indagine
Christian Horner indagato dalla Red Bull, le accuse sono state mosse da un dipendente (ansafoto.it) wigglesport.it

Le motivazioni sarebbero legate ad una serie di comportamenti inadeguati avuti nei confronti di un dipendente. Tutto sarebbe partito dall’accusa che lo stesso dipendente avrebbe mosso nei confronti del manager Red Bull. “Dopo essere venuta a conoscenza delle accuse, la società ha avviato un’indagine interna condotta da un legale specializzato. La società prende queste questioni estremamente sul serio, l’indagine sarà completata il prima possibile”, si legge in una comunicazione ufficiale di Red Bull Austria.

Christian Horner, però, ha subito smentito le accuse attraverso il De Telegraaf, quotidiano olandese, da cui erano partite anche le prime indiscrezioni. Si attendono, dunque, nuovi aggiornamenti nelle prossime settimane, in attesa anche dell’inizio della nuova stagione. I rumors sono confermati e ora c’è chi trema anche per il futuro di Verstappen, da tempo molto legato all’uomo. In casa Red Bull occhio a clamorosi ribaltoni.

Impostazioni privacy