Hamilton-Ferrari, spunta la sentenza in diretta: ora si può sognare

Il futuro approdo del campione britannico a Maranello continua a far parlare di sé: le ultime dichiarazioni scatenano l’entusiasmo dei fan

Lewis Hamilton passerà alla Ferrari a partire dalla stagione 2025. La notizia – resa ufficiale dal Cavallino nella serata di giovedì 1° febbraio – ormai è arrivata ovunque e ovunque si parla delle prospettive di questo matrimonio che ha già fatto la storia della Formula 1. Sì, la storia! Perché, ingaggiando il britannico, la Rossa è diventata l’unica squadra negli annali del Circus ad aver portato tra le sue fila i cinque i piloti capaci di vincere almeno quattro Mondiali (gli altri sono Juan Manuel Fangio, Michael Schumacher, Alain Prost e Sebastian Vettel).

Hamilton-Ferrari boom
Hamilton alla Ferrari, la sentenza fa sognare (Ansa Foto) Wigglesport

Tornando alle prospettive, però, c’è da dire che l’universo ferrarista si è diviso in due ‘fazioni’. Da una parte c’è chi ritiene che la Scuderia abbia realizzato un vero e proprio colpaccio aggiudicandosi il sette volte campione iridato, vedendo in lui l’unico pilota in grado di risollevare le sorti del team.

Dall’altro invece c’è chi ritiene che i vertici di Maranello avrebbero fatto meglio a puntare su Sainz anziché investire corposamente – si parla di un compenso di 50 milioni a stagione – su un pilota che arriverà in Italia alla veneranda età di 40 anni.

“Hamilton in Ferrari come…”, il parere dell’ex non lascia dubbi

La querelle tra i tifosi della Ferrari, ormai, va avanti da diversi giorni. Sono frequenti e accese le discussioni sulle pagine social dedicate alla Formula 1, e nella migliore delle ipotesi si concludono con il solito “chi vivrà vedrà”. Se c’è però un aspetto che ha messo tutti d’accordo è che Hamilton porterà certamente una cosa a Maranello: la mentalità vincente. Ne è convinto anche Luigi Mazzola, ex dirigente della Rossa durante l’epoca Schumacher e oggi opinionista nonché speaker motivazionale.

“Sono 17 anni che non si vince in Ferrari e Hamilton porterà una mentalità vincente di cui c’è bisogno, ha detto Mazzola nel corso di una diretta sul suo profilo Instagram. Nel rimarcare il concetto, il noto ingegnere ha poi fatto riscorso ad un paragone con un altro pilota che ha dimostrato di essere un ‘cannibale’ negli ultimi anni. Ricordo ad esempio Verstappen che in Austria insistette per fare il pit-stop nel finale per ottenere anche il punto addizionale.

Così vi tenete allenati’, fu la sua battuta relativa alla sosta supplementare. Ecco Hamilton porterà quella mentalità lì, in cui tutti saranno tesi sulla corda di violino, ha sottolineato, per poi aggiungere subito dopo: “È uno degli effetti che ha anche voluto scatenare Elkann mettendo a disposizione della Scuderia due piloti eccezionali”.

Ferrari, c'è l'annuncio dell'ex
Ferrari-Hamilton, l’ex chiarisce (Lapresse) Wigglesport

Dunque, secondo Mazzola, il trasferimento di Lewis a Maranello e l’arrivo della sua mentalità vincente all’interno del team sarebbero il frutto di una precisa strategia studiata dai vertici del Cavallino: alzare l’asticella, sotto tutti i punti di vistaOvviamente, le parole del grande ex hanno trasmesso una bella dose di fiducia a tutti i supporters della Rossa collegati online. Vedremo se effettivamente Hamilton riuscirà ad indirizzare la Ferrari sulla giusta via.

Impostazioni privacy