Formula 1, che caos: dimissioni e ribaltone ufficiale

Il primo GP di Formula 1 in Bahrain, oltre alla supremazia di Verstappen, ha palesato anche le enormi di un Team. Le conseguenze non si sono fatte attendere

Tutto come previsto nel Gran Premio che ha aperto il Mondiale 2024 di Formula 1. In Bahrain, Max Verstappen ha ribadito nuovamente una supremazia destinata a proseguire anche per il resto di una stagione che sembra già segnata per quel che riguarda l’esito finale.

Dimissioni dirigenti team Alpine Formula 1
Sono già arrivati verdetti importanti in Formula 1 (Ansa) – Wigglesport.it

I test pre stagionali e le impressioni degli altri piloti arrivate direttamente dalla pista, lasciavano presagire un epilogo simile. E così è stato. Alla perfezione alla guida del campione del mondo in carica si unisce una Red Bull sempre più performante e, di fatto, senza difetti.

Adrian Newey si è nuovamente superato, progettando una monoposto con soluzioni aerodinamiche e di carico sconosciute per gli altri Team, destinati nuovamente a inseguire e ad accontentarsi delle posizioni di rincalzo sia nel Mondiale piloti che in quello costruttori che – lo ricordiamo – per le Scuderie è ben più importante in quanto dal piazzamento finale scaturiscono anche le suddivisioni di introiti e ricavi.

Formula 1, scossone nel Team: si sono dimessi

Se il primo GP dell’anno ha confermato le gerarchie in vetta con la Red Bull al comando e la Ferrari seconda forza, sul circuito di Sakhir sono emersi ulteriori verdetti importanti per alcuni degli altri team in gara.

Tra questi, quello più in difficoltà è stato senza dubbio l’Alpine. I limiti della monoposto di Ocon e Gasly erano emersi già nei Test di febbraio. In qualifica e in gara è andata anche peggio con le due Alpine ultime nel Q3 e classificate al 17esimo e al 18esimo posto nel Gran Premio, davanti solo alla Sauber di Bottas e alla Williams di Sergeant.

Un’annata, dunque, iniziata malissimo per la Scuderia francese. Evidentemente qualcosa nell’allestimento della nuova monoposto non ha funzionato. Lo confermano le dimissioni, ufficializzate nelle scorse ore, di Matt Harman e Dirk De Beer, rispettivamente direttore tecnico e capo dell’aerodinamica.

Dimissioni tecnici Alpine Formula 1
Cambia la struttura tecnica dell’Alpine, c’è il comunicato del Team (Ansa) – Wigglesport.it

L’Alpine ha ufficializzato il loro addio con un comunicato pubblicato lunedì 4 marzo ma, da quanto è emerso successivamente, i due tecnici si erano già dimessi prima della presentazione della nuova monoposto avvenuta a Febbraio, particolare ulteriore che la dice tutta sulla situazione tutt’altro che idilliaca all’interno del team.

Sia Harman che De Beer lasceranno definitivamente l’Alpine a fine aprile, al termine del periodo di preavviso. Già scelti i sostituiti, in una nuova struttura collegiale che prevede il coordinamento dei diversi dipartimenti. Joe Burnell sarà il nuovo direttore tecnico dell’ingegneria, David Wheater sostituirà  De Beer all’aerodinamica mentre Ciaron Pilbeam (ex ingegnere di pista di Mark Webber) guiderà il settore delle performance.

Cambiamenti dai quali i due piloti Gasly e Ocon sperano di trarre giovamento quantomeno per entrare in competizione per la zona punti. Una magra consolazione in quella che si annuncia come la stagione più difficile di sempre per la Alpine in F1.

 

Impostazioni privacy