Figc commissariata: Serie A nel caos

La Serie A sta vivendo un periodo complicato. Il probabile commissariamento della FIGC potrebbe mettere in difficoltà il calcio italiano.

Nonostante un biennio abbastanza positivo per il calcio italiano in Europa, chiuso con la sfortunata sconfitta in Conference League della Fiorentina, gli osservatori più attenti sanno bene che c’è ben poco da esultare. Gli ultimi due campionati hanno dimostrato che, quando si tratta di far rotolare la palla, ce la caviamo ancora piuttosto bene, ma il contorno è un vero e proprio disastro. Non c’è spazio per i sorrisi, purtroppo.

Gabriele Gravina FIGC commissariata
Gabriele Gravina, presidente della FIGC. Foto: Ansa (wigglesport.it)

Secondo alcune indiscrezioni, la FIGC (Federazione Italiana Giuoco Calcio) potrebbe essere commissariata a breve. Sarebbe una notizia devastante per il movimento italiano, probabilmente il punto più basso dopo Calciopoli.

Per questo motivo, gli appassionati di calcio sono molto preoccupati e fanno bene, potremmo vivere un’estate molto calda, ma gli Europei che l’Italia di mister Spalletti si prepara ad affrontare non c’entrano niente. Ecco cosa sta succedendo al calcio italiano.

Dopo la Covisoc, commissariata anche la FIGC?

Lo scandalo che ha colpito la Covisoc potrebbe avere ripercussioni anche sulla FIGC. Tre membri su quattro della Commissione di Vigilanza sulle Società di Calcio Professionistiche hanno rassegnato le dimissioni immediatamente dopo l’approvazione di un decreto che prevede la creazione di un organo di controllo sui conti dei club professionistici. Il governo ha spinto molto per l’approvazione di questo decreto, ma sembra che non tutti fossero d’accordo.

FIGC rischio commissariamento
L’indiscrezione che riguarda la FIGC. Fonte: X @mirkonicolino (wigglesport.it)

Secondo quanto riportato da La Gazzetta dello Sport, in queste ore ci sarebbe stato un tavolo di confronto con la FIGC per capire come muoversi nelle prossime settimane.

Di fatto, la Covisoc è stata commissariata e lo stesso destino potrebbe toccare anche alla Federazione italiana. Andrea Abodi, ministro dello Sport, ha spinto molto per inserire questa norma nel decreto ed è riuscito ad ottenere una grande vittoria, dal punto di vista politico.

Gli scenari non sono molto positivi, le dimissioni dei tre membri della Covisoc potrebbero avere ripercussioni importanti anche sul destino del calcio italiano. La Covisoc ha sempre operato nel perimetro della Federazione Italiana, dal 1° luglio non sarà più così perché i club potrebbero perdere il proprio organo di controllo.

Il governo ha stabilito che fosse necessario approvare questo decreto per controllare meglio i conti delle squadre di calcio professionistiche, ma questa storia è soltanto al primo episodio e potrebbero arrivarne altri nel corso dell’estate.

Impostazioni privacy