Ferrari, nuova grana? Annuncio in diretta, fan gelati

La Ferrari è alle prese con una nuova grana che potrebbe portare diversi problemi in futuro: i tifosi della Rossa non se lo aspettavano di certo

Dopo il Gran Premio dell’Arabia Saudita devono ragionare su un aspetto molto importante e anche un rivale di primo piano li ha invitati a darsi una mossa. Lo scenario dei prossimi anni può mutare con questa scelta.

Cambia tutto in casa Ferrari
La Ferrari deve darsi una mossa per evitare una grana (WiggleSport – ANSA)

Il Gran Premio di Gedda è andato in archivio con un altro podio per la Ferrari. Questa volta rispetto al Bahrain è stato Charles Leclerc a salire sul terzo gradino al posto di Carlos Sainz, bloccato dall’appendicite e costretto a saltare Qualifiche e Gara. Un handicap a cui ha sopperito alla grande Oliver Bearman, talentino inglese di soli 18 anni, chiamato in fretta e furia per salire sulla Rossa dopo aver conquistato la pole position in Formula 2. Bearman ha dimostrato di essere davvero un pilota con stoffa, concludendo il GP al settimo posto, dopo una bella rimonta.

Al venerdì aveva sfiorato di pochi millesimi l’accesso alla Q3, centrando un undicesimo posto onorevole. Il sabato è andato ancora meglio, tenendosi alle spalle gente come Norris e Hamilton e prendendo appena 5 secondi da George Russell. 

Questa prestazione ha acceso i riflettori sul classe 2005, terzo più giovane di sempre ad esordire in F1, dopo Verstappen e Stroll e primo pilota dal 1972 a fare il proprio debutto nel Circus con la scuderia di Maranello (da Arturo Merzario).

Ferrari, Marko dà consigli su Bearman: “Vasseur deve trovargli un posto”

Oliver Bearman fa parte dell’universo Ferrari e come tale è un patrimonio da tenere da parte. Il futuro potrebbe essere di questo ragazzino che ha impressionato tutti anche per la tenacia fisica con cui ha contrastato la stanchezza al collo negli ultimi giri in Arabia Saudita.

Bearman futuro in Ferrari
Cosa deve fare la Ferrari per trattenere Bearman (WiggleSport – ANSA)

Sull’argomento si è intromesso anche Helmut Marko, super consulente della Red Bull e grande esperto di giovani talenti.

Parlando ai microfoni di speedweek.com, l’austriaco ha sottolineato come: “L’esordio di Oliver Bearman con la Ferrari è stato sensazionale. In alcune fasi di gara è stato quasi alla pari con Leclerc”. 

Poi Marko ha lanciato subito un monito a Maranello: “Se fossi in Vasseur troverei subito un sedile per lui, magari alla Haas. Mi ha impressionato come Pedro Acosta in MotoGP”. Insomma una bella investitura per un ragazzo alle primissime armi ma che pone una profonda riflessione nel Cavallino Rampante, ovvero pensare anche al futuro e non solo al presente con Hamilton. Chissà che Bearman non possa diventarne l’erede designato.

Impostazioni privacy