Ferrari-Hamilton, si può fare la storia: il dato è clamoroso

Lewis Hamilton può davvero scrivere la storia in Ferrari: il campionissimo britannico ha un’occasione d’oro.

In tanti hanno già parlato di trasferimento che entra di diritto nella storia della Formula 1. Qualcuno ha azzardato un paragone con il calcio e con l’acquisto di Cristiano Ronaldo da parte della Juventus nell’estate 2019. Di certo l’annuncio del passaggio di Lewis Hamilton in Ferrari dalla stagione 2025 ha avuto un impatto mediatico pazzesco e ha contribuito a riportare grande entusiasmo tra i tifosi della Rossa.

Hamilton può fare la storia in Ferrari
Hamilton ha la grande possibilità di entrare nella storia della Ferrari: ecco perché – Foto ANSA (Wigglesport.it)

Con il rinnovo di contratto di Charles Leclerc, annunciato qualche giorno prima del colpaccio Hamilton, il Cavallino rampante potrà avere a disposizione una delle coppie più forti di sempre in Formula 1. La scuderia di Maranello può già toccare con mano il successo in termini di immagine e marketing, in attesa di capire se questa mossa servirà anche a riconquistare quel Mondiale piloti che manca dal lontano 2007.

Chiaramente il passaggio di Hamilton in Ferrari ha suscitato anche qualche perplessità, specialmente da parte di coloro che fanno notare la carta d’identità del campionissimo britannico: nel 2025, infatti, il 7 volte campione del mondo si metterà al volante della Rossa da 40enne. Si tratta di un evento storico, dato che per ritrovare un pilota della Ferrari con quell’età bisogna tornare indietro al 25 settembre 1982.

Ferrari-Hamilton shock, il dato spiazza tutti: Lewis può farlo

In quel giorno, infatti, Mario Andretti guidò la 126C2 sulla pista di Las Vegas. Il campione del mondo 1978 non è stato l’unico a correre con una Rossa a 40 anni suonati. Nel 1955 Piero Taruffi guidò la Ferrari a Monte Carlo a 48 anni, 7 mesi e 24 giorni: ancora oggi è il pilota più anziano ad aver mai preso in mano il volante di una Rossa. Dietro di lui ci sono altri grandi nomi come Nino Farina, Juan Manuel Fangio, Luigi Villoresi, Raymond Sommer e Dorino Serafini.

Hamilton, il dato è clamoroso: può scrivere la storia
Vincere con la Ferrari dopo i 40 anni: Hamilton ci crede – Foto ANSA (Wigglesport.it)

Ci sono poi tanti altri piloti – tra cui Franco Comotti, Rudolf Schoeller, Chico Landi e Reg Parnell – che hanno guidato una Ferrari dopo aver celebrato il proprio 40esimo compleanno, ma in questi casi si trattava di scuderie clienti. Hamilton potrebbe però raggiungere un risultato storico che lo farebbe entrare nella storia della Ferrari.

Se il pilota inglese riuscisse a vincere almeno una gara con la Rossa diventerebbe il quarto pilota a compiere questa impresa dopo i 40 anni. Finora, infatti, gli unici piloti in grado di arrivare sul gradino più alto del podio da 40enni sono stati Nino Farina (che trionfò al Nurburgring a 46 anni, nel 1953), Piero Taruffi (che vinse nel 1952 a Bremgarten all’età di 45 anni) e infine il grande Fangio, che vinse a Monza nel 1956 anche lui all’età di 45 anni.

Impostazioni privacy