Disastro Musetti, il dato è terribile: è in piena crisi

Il tennista toscano non riesce più a esprimersi ad alti livelli, c’è una statistica emblematica del suo momento negativo: ecco quale

Sei giocatori in top-100, ben quindici in top-200, una punta di diamante di livello assoluto che porta il nome di Jannik Sinner. Il tennis maschile italiano sta vivendo un periodo di grande splendore, come confermato la scorsa settimana dallo straordinario trionfo di Luciano Darderi all’Atp 250 di Cordoba.

Musetti è in piena crisi
Il tennista toscano continua a palesare evidenti difficoltà (Ansa Foto) – Wigglesport

Se c’è però in casa azzurra una nota stonata negli ultimi tempi, quella è la situazione di due ragazzi che, potenzialmente, potrebbero stare tra i primi dieci al mondo assieme all’altoatesino e che invece stanno attraversando un momento di profonda crisi.

Ci riferiamo a Matteo Berrettini e Lorenzo Musetti. Per quanto riguarda il primo le difficoltà sono legate ai gravi problemi fisici che non gli danno tregua da oltre un anno e che gli impediscono di scendere in campo, invece per il secondo lo scenario è un attimino più complesso: Lorenzo sta bene, gioca, ma non riesce più a toccare i picchi di rendimento che aveva offerto in passato. Quest’oggi vogliamo soffermarci sulla sua situazione e su un dato eloquente di quanto stia sottoperformando.

Musetti non va, è crisi per l’azzurro: il dato emblematico

Reduce da un ottimo 2022 (condito dai titoli conquistati all’Atp 500 di Amburgo e all’Atp 250 di Napoli), Musetti appena un anno fa di questi tempi si apprestava a centrare il suo best ranking in carriera, raggiunto poi nel mese di giugno attestandosi alla piazza numero 15. Col passare delle settimane, tuttavia, la sua luce si è oscurata pian piano fino a spegnersi definitivamente nel finale di stagione, contrassegnato da una lunga serie di sconfitte, tra cui quella in Coppa Davis che ha messo a rischio il successo della selezione italiana contro la Serbia.

Consapevole delle sue difficoltà, il carrarino ha quindi deciso di affiancare al suo coach, Simone Tartarini, una figura di grande spessore come Corrado Barazzutti. I risultati, però, stentano ancora ad arrivare: si pensi che tra gennaio e febbraio non è mai andato oltre il secondo turno di un torneo, e in molte occasioni si è addirittura arreso all’esordio (l’ultima lunedì, all’Atp 500 di Rotterdam).

Musetti è in piena crisi
Musetti in crisi di gioco e risultati: il dato negativo (Ansa Foto) – Wigglesport

La crisi di Musetti sembrerebbe riguardare anche l’aspetto mentale, oltre che quello tecnico. E c’è un dato a certificare parzialmente tale osservazione: 14 partite giocate da ottobre 2023 ad oggi, soltanto 4 vittorie. Un bottino davvero poco lusinghiero che la dice lunga sulla perdita di fiducia del toscano e sulla sua difficoltà nel reagire al momento ‘no’. Un bottino che diventa ancora più pesante quando si scopre che tra tutti i giocatori facenti parte della top-30, Lorenzo è quello che ‘vanta’ lo score peggiore. La speranza è che l’inizio della parentesi sulla terra battuta – superficie sulla quale esprime il suo miglior tennis – possa consentirgli di rialzare la china fino ad uscire dal turbine negativo in cui è stato inghiottito.

Impostazioni privacy