Clamoroso ritorno in Formula 1: l’annuncio spiazza tutti

L’ex pilota di Formula 1 non nasconde il desiderio di tornare nel circus, occhio alla situazione attuale e agli scogli che dovrebbe superare.

Nel mondo spietato della Formula 1 le stagioni negative hanno un peso enorme sulla carriera dei piloti. Sono pochi, quelli considerati dei veri talenti, i piloti che sono riusciti ad ottenere una seconda chance dopo diverse prestazioni non all’altezza.

clamoroso in formula Uno
Formula Uno, c’è il ritorno shock (Lapresse) Wigglesport

Nelle ultime settimane, ad esempio, sono emerse a gran voce le parole di Bernie Ecclestone, che ha preso le difese di Mick Schumacher dichiarando che il tedesco meriterebbe una seconda possibilità dopo le due stagioni fallimentari alla Haas. A desiderare un ritorno in Formula 1 c’è anche, però, un altro pilota che aveva trascorso il 2021 proprio al fianco di Schumacher. Si tratta di Nikita Mazepin, ex pilota Haas.

Scelto nel 2021 per correre con il team statunitense, Mazepin ha vissuto una stagione disastrosa, nella quale non è mai andato a punti ed ha terminato la stagione al 21° posto in classifica. L’anno dopo, nel 2022, a seguito dell’invasione russa dell’Ucraina, Haas decise di risolvere il contratto di Mazepin e dello sponsor Uralkali, principale attività del padre a causa della loro vicinanza con Putin.

Formula 1, Mazepin non ci sta: sogna il ritorno nel circus

Il 2023 di Mazepin è stato, tuttavia un anno di rinascita. Il pilota russo ha partecipato all’Asian Le Mans series con il proprio team, il 99 Racing, dove chiude al quarto posto in classifica ottenendo due podi e due pole position. In un’intervista al portale russo Championat, Mazepin ha parlato dei suoi obiettivi ma anche della volontà di ritornare in Formula 1.

Mazepin parla dei problemi accusati dopo le sanzioni europee (ansafoto.it) wigglesport.it“Nel prossimo futuro vorrei partecipare a Le Mans, e anche a Daytona. Non dimentico la Formula 1 ma ci sono degli ostacoli. Potrei riuscire a trovare un posto per Le Mans, ma non dobbiamo dimenticare le sanzioni”, ha dichiarato riferendosi alle sanzioni loro inflitte dall’Unione Europea per via del conflitto russo.

“Sono pur sempre un umano, e non è una bella sensazione guardare le gare da casa, anzi è angosciante. A 4 ore di volo da Mosca c’è un circuito europeo dove corre la Formula 1, ma io non posso esserci per delle motivazioni soggettive. È una sfida psicologica difficile per un ragazzo di 24 anni”, ha concluso Mazepin. Attenzione perchè la Formula 1 ci ha abituato a ritorni in pista anche se Mazepin sembra, aldilà delle sanzioni subite, esser stato dimenticato dal paddock e dall’intero mondo della Formula 1. Manca ancora molto al Mondiale 2024, ma i rumors di mercato attenzionano gli addetti ai lavori e in tanti non escludono grandi sorprese.

Impostazioni privacy