Bufera nel mondo del tennis: esplode il caso, la reazione è durissima

Reazione quasi smodata di una protagonista del tennis internazionale, che non ha preso affatto bene questa manifestazione.

In questi giorni gli appassionati di tennis sono tutti concentrati sul primo grande torneo della stagione, ovvero gli Australian Open, torneo che si sta svolgendo sul cemento di Melbourne. Il pubblico italiano fa il tifo per Jannik Sinner, stella assoluta del tennis azzurro.

caos nel mondo del tennis
shock nel mondo del tennis, assurdo (Lapresse) Wigglesport

Nel grande calderone degli Australian Open però c’è tempo anche per qualche polemica. Anzi, per un vero e proprio polverone che si sta scatenando per ciò che è accaduto nelle ultime ore. Uno scivolone da parte degli organizzatori che rischia di minare la serenità e la sportività dell’evento.

Protagonista di questa situazione scomoda la tennista ucraina Marta Kostyuk, talento del tennis femminile che dopo aver raggiunto il suo migliore score in carriera – qualificandosi ai quarti di finale di un torneo del grande Slam – ha espresso grande rammarico da ciò che è accaduto. Tutta colpa di uno svarione che la Kostyuk non ha preso affatto bene.

Bandiera russa agli AO: Marta Kostyuk è su tutte le furie

Tutto è accaduto dopo la vittoria netta e meritata al quarto turno degli Australian Open della Kostyuk contro la rivale russa Marija Timofeeva. Un successo meritato per due set a zero, con uno strascico però inaspettato. Gli Us Open, o meglio i canali social dello Slam di fine anno, hanno pubblicato erroneamente, per qualche minuto, la bandiera della Russia sui propri profili social.

Da quando è scoppiata la guerra in Ucraina, per via dell’invasione dell’esercito russo, il CIO e tutte le federazioni sportive internazionali hanno deciso di disconoscere la Russia e la Bielorussia dagli eventi, facendo gareggiare gli atleti di Mosca e dintorni sotto bandiera neutrale.

Lo sfogo della Kostyuk
Lo sfogo della Kostyuk contro la bandiera russa (Instagram Stories) – Wigglesport.it

L’esposizione del tricolore russo ha letteralmente disturbato Marta Kostyuk, che non ha preso bene l’errore degli organizzatori di Melbourne. Svarione al quale la tennista classe ha risposto con una story di Instagram molto severa e senza peli sulla lingua: “Oggi, dopo la mia vittoria contro un’atleta proveniente dal Paese aggressore, la bandiera russa è stata pubblicata sul profilo ufficiale di uno dei più grandi tornei del mondo. Oggi è il 697esimo giorno di guerra, e lo sport continua a promuovere un Paese omicida che usa i propri atleti per fare propaganda. Chiedo ai rappresentati dei media e alla comunità sportiva di smettere di utilizzare il tennis per promuovere la Pace russa“.

Attacco duro della Kostyuk, che non ha affatto perdonato l’errore agli Australian Open, continuando a difendere la propria gente che ancora oggi, dopo quasi due anni, soffre e patisce per la guerra scoppiata a Kiev e nelle altre città.

Impostazioni privacy