Bufera con il grande ex: Milan a bocca aperta

Momento non facile in casa Milan con i rossoneri con un piede fuori dalla Champions League ed attaccati dal grande ex.

Il ko contro il Borussia Dortmund ha mandato in crisi nera il Milan che vede molto vicina l’eliminazione dalla Champions League e che porterebbe un grave problema economico nelle casse del club.

Milan, è bufera in casa rossonera dopo l'attacco
Milan, che attacco da parte del grande ex (LaPresse) – wigglesport.it

Un Milan che vive un momento difficile anche per via degli infortuni con quasi tutta la difesa centrale fuori gioco. Oltre ai centrali c’è da registrare anche la lunga assenza di Rafael Leao, che proverà a recuperare proprio per l’ultima sfida del girone di Champions League quando i rossoneri se la vedranno con il Newcastle in Inghilterra. A rendere ancora più tesa la situazione in casa rossonera è l’attacco di un grande ex che ha avuto parole dure nei confronti dell’attuale dirigenza rossonera.

Milan, che attacco: dichiarazioni di fuoco

Nelle scorse ore ha parlato Paolo Maldini che ha rilasciato una lunga intervista a La Repubblica nella quale ha fatto il punto su quanto accaduto al termine della scorsa stagione quando è stato allontanato dalla dirigenza rossonera insieme a Frederic Massara.

Milan, bufera con il grande ex
Milan, che attacco da parte di Maldini (LaPresse) – wigglesport.it

L’ex capitano e dirigente del Milan ha così raccontato quanto accaduto: “Il club è stato venduto per 1,2 miliardi di euro ed è giusto che la nuova proprietà abbia voluto cambiare ma ci deve essere rispetto per le persone e per i ruoli. Ho dovuto dire a Furlani che non avrei voluto aprire un contenzioso per avere i miei diritti. Cardinale mi chiamò per dirmi che io e Massara eravamo licenziati dicendo che c’erano cattivi rapporti con Furlani. Gli chiesi allora se lo avessi mai chiamato per lamentarmi di Furlani. Non lo feci mai”.

“Cardinale mi disse che ci saremmo dovuti fidare l’uno dell’altro – ha proseguito Maldini – ma poi sapete tutti come è andata a finire. Credo che la decisione di mandare via me e Massara fu presa diverso tempo prima ma dopo lo scudetto non lo potevano fare perché sarebbe stato impopolare. Scaroni? Spesso l’ho visto andare via quando gli avversari pareggiavano o andavano in vantaggio mentre è sempre stato in prima fila per lo scudetto”.

Parole dure da parte di una leggenda del club rossonero che ha voluto fare chiarezza su quanto accaduto durante la scorsa estate. Un momento che ha lasciato senza parole tutti i tifosi del Milan che hanno visto andare via dal club la persona da sempre più legata al mondo rossonero.

Impostazioni privacy