Bomba in Formula Uno: indizi di mercato, coinvolto Hamilton

Il futuro del sedile Mercedes è ancora in discussione, intanto diverse novità emergono e riguardano tutti Lewis Hamilton

In pista in questi primi Gran premi stagione non è mai andata sul podio, la dimostrazione plastica che la W16 non è quella monoposto descritta a inizio febbraio dagli osservatori. Certo, Toto Wolff, team Principal del team di Brackley, crede ancora che la situazione possa sistemarsi e che i suoi piloti – Lewis Hamilton e George Russell – abbiano le qualità per rialzare la testa.

bomba in F1, indizio di mercato con protagonista Hamilton
Bomba in F1 (LaPresse) – Wigglesport.it

Intanto i risultati parlano chiaro, senza un inversione di rotta la Mercedes rischia di concludere la sua peggior stagione da quando corre in Formula 1. Una cosa non proprio incoraggiante per il team Principal di Vienna che intanto lavora anche sul fronte mercato dato che il successore di Hamilton dovrà essere annunciato quanto prima.

Chi al posto di Hamilton? Antonelli rimane in lizza

Il profilo di Andrea ‘Kimi’ Antonelli piace non solo ai tifosi della Mercedes ma anche a molti dei suoi protagonisti nel paddock. Inutile ripetere che stiamo parlando di un talento scintillante, capace in tenera età di portare a termine risultati importanti: in questa stagione corre per la Prema in F2 (sua prima vera esperienza su una vettura di alto livello) e i risultati gli stanno dando ragione sebbene sin qui non abbia vinto nessuna gara.

Wolff spera di vedere il 17enne di Bologna sul sedile della Mercedes già a partire dal prossimo anno (si parla anche di un possibile approdo in Williams per fargli fare esperienza). Lo stesso Hamilton – che la Scuderia di Brackley la saluterà per approdare in Ferrari – ha incoronato il pilota azzurro come suo successore per via dell’abilità di guida che ha dimostrato nei test che egli ha ultimato a Spielberg e a Imola.

Mercedes crede in Antonelli
Antonelli rimane in pole per diventare il successore di Hamilton (LaPresse) – Wigglesport.it

I risultati ottenuti in pista con le vetture usate nelle stagioni 2021 e 2022 fanno sorridere persino un esperto come James Allison, direttore tecnico della Mercedes che di talenti ne ha visti in vita sua. “Ho avuto il grande piacere di interagire gli ingegneri che descrivevano come fosse lavorare con lui. È un pilota molto giovane e veloce”, ha detto Allison.

In conferenza stampa il direttore tecnico della scuderia anglo-tedesca ha anche fatto riferimento ai test effettuati con le monoposto degli anni scorsi: “Fino a poco tempo fa non era mai salito su un’auto di Formula 1, ma dopo uno o due giri nei test ha dato l’impressione di farlo da sempre”.

Impostazioni privacy