Bomba Iannone, è subito svolta: la notizia è una vera manna

Il ritorno di Andrea Iannone ha sorpreso tutti. Il pilota motociclistico, dopo il lunghissimo stop, è ora pronto a ricostruirsi una carriera.

Dopo quattro anni di purgatorio, la carriera di Andrea Iannone può finalmente tornare a sbocciare. Uno dei piloti motociclistici italiani di maggior talento e sregolatezza è pronto a tornare in sella, al termina di una squalifica lunghissima che lo ha tenuto ai box in maniera forzata.

Iannone ed il ritorno in pista
Andrea Iannone ed il ritorno in pista dopo 4 anni (Ansa) – Wigglesport.it

Fermato per positività al doping nel 2019, Iannone è stato per ben quattro anni lontano dalle piste e dalle corse motociclistiche. Un vero handicap totale per il fuoriclasse di Vasto, che negli ultimi tempi è balzato agli onori delle cronache più per il gossip che per questioni sportive, vista la relazione ormai nota con la popstar Elodie.

A dicembre scorso è scattata la fine della sospensione forzata, con Andrea Iannone che non ha voluto perdere tempo. Ha subito ripreso in pugno la propria carriera e deciso di riprendere da dove si era fermato.

Superbike, Iannone già in grande spolvero

Iannone ha deciso di ricominciare dal mondiale Superbike, che ripartirà ufficialmente nel weekend del 24-25 febbraio con il primo gran premio di Phillip Island, in Australia. Ma già arrivano ottime impressioni sull’abruzzese, che correrà con il team Go Eleven, in sella alla sua Ducati Panigale V4R.

In questi giorni sono andati in scena i primi test a Jerez de la Frontera, con i piloti di Superbike impegnati a prendere confidenza con le nuove moto e con le piste. Iannone ha impressionato tutti, visto che nel day-1 nel circuito spagnolo ha chiuso a soli due decimi dal secondo miglior tempo di giornata, fatto registrare da Alex Lowes con la Kawasaki in 1’39.4.

Iannone in superbike
Ottima ripartenza per Iannone in Superbike (Ansa) – Wigglesport.it

Riscontri positivi e tanta voglia di riprendere ad alto livello per Iannone, che dopo i test ha rilasciato alcune dichiarazioni grintose, lanciando il guanto di sfida ai suoi rivali su pista: “Questo è stato il primo vero test per me, visto che ad ottobre le condizioni erano diverse. Non avevo più guidato una moto per quattro anni e potevo tornare in sella. Siamo vicini ai top rider e sono sorpreso di questo. Dopo quattro anni però non mi aspettavo questa velocità”.

Prima della squalifica, Andrea Iannone era un punto fermo della classe MotoGP, in cui ha gareggiato con Ducati, Aprilia e Suzuki. Il miglior piazzamento finale è il quinto posto nel motomondiale 2015, mentre la sua unica vittoria in gara nella classe regina risale al GP d’Austria del 2016 in sella alla Ducati.

Impostazioni privacy