Berrettini, è successo davvero: l’ufficialità che fa gioire i tifosi

Dopo tanti rinvii e mille forfait, c’è finalmente l’annuncio ufficiale che tutti aspettavano su Matteo berrettini: tifosi pazzi di gioia

Ormai ci aveva abituato a farci esultare per il suo rientro, e subito dopo a deprimerci per l’inaspettato forfait. Negli ultimissimi tempi poi, i più pessimisti avevano smesso addirittura di credere ai tweet ufficiali degli organizzatori di un dato evento, che avevano dato per certa la sua presenza nella kermesse.

Berrettini, ora è ufficiale: i tifosi gioiscono
Matteo Berrettini, finalmente l’incubo è finito (LaPresse) – Wigglesport.it

È accaduto così ad esempio per Indian Wells, il prestigioso Masters 1000 che andrà in scena in California dal 6 al 17 marzo. Inserito nella entry list delle qualificazioni, Matteo Berrettini sarebbe appunto dovuto rientrare nella difficile battaglia del primo evento del celeberrimo Sunhine Double, l’accoppiata di tornei sul cemento americano che vedrà la sua seconda puntata a Miami, a fine marzo.

I più attenti avevano addirittura storto la bocca nel constatare come, rientrando dopo oltre sei mesi nel tabellone delle qualificazioni, l’ex allievo di Vincenzo Santopadre non usufruisse del ranking protetto, quel meccanismo che consente ai tennisti lungodegenti di rientrare nel circuito, per un dato numero di tornei, usufruendo di una classifica data dalla media della posizione occupata nei primi tre mesi di stop. I ‘sospetti’ erano, anche in questo caso, fondati. Berrettini non parteciperà ad Indian Wells, come dallo stesso atleta confermato nel corso di una conferenza stampa via zoom.

Berrettini, stavolta è tutto vero: appuntamento a Phoenix e poi…

Non sarò ad Indian Wells, mi sono preso queste settimane per stare al meglio possibile e non sarà una settimana in più o in meno a cambiare le cose. Poi giocherò a Miami e la stagione sulla terra“, ha detto l’ex numero 6 del mondo dopo aver anticipato che sarà a Phoenix, nel primo Challenger 175 in calendario.

Giova ricordare che il finalista a Wimbledon 2021 non scende in campo in match ufficiali dallo scorso 31 agosto, quando fu eliminato dagli Us Open al secondo turno per mano del francese Rinderknech. La distorsione della caviglia in inversione, che gli aveva procurato una rottura parziale del legamento peroneo astragalico anteriore, ha fatto poi emergere una serie di problemi successivi: questi lo hanno costretto ad uno stop ormai prossimo ai sei mesi.

Berrettini, ora è ufficiale: tifosi pazzi di gioia
Matteo Berrettini torna a Phoenix col ranking protetto (LaPresse) – Wigglesport.it

Non che la parte precedente di stagione – parliamo del 2023 – fosse stata tanto migliore per Matteo, che solo sull’amata erba di Wimbledon sembrava esser tornato su grandi livelli. I continui infortuni, il calo nell’autostima e il crollo nella classifica ATP hanno chiuso un quadro a tinte fosche che ora, potrebbe finalmente esser per sempre riposto nella cantina dei brutti ricordi. Dall’Arizona alla Florida, dove è atteso a Miami per il suo primo Masters 1000 dopo mesi e mesi, Matteo è finalmente pronto.

Impostazioni privacy